Scempio al parlamento UE: Sassoli rifiuta minuto di silenzio per vittime del Bataclan

Il Pd mostra al mondo il suo vero volto. Mentre la Francia commemora i 130 morti del massacro del Bataclan, compiuto dai terroristi islamici 4 anni fa, il presidente del Parlamento europeo Sassoli ha appena rifiutato un minuto di silenzio per onorarli!

“Una sola parola: vergogna! David Sassoli, in qualità di presidente del Parlamento Europeo, durante la seduta plenaria di oggi, ha negato, su richiesta del nostro gruppo, di osservare un minuto di silenzio per le vittime del vile attentato terroristico di matrice islamica al Bataclan di Parigi. Ancora una volta le istituzioni europee dimostrano la più totale incapacità e la mancanza di coraggio nel condannare un gesto barbaro che ha ferito profondamente non solo la capitale della Francia ma tutta l’Europa” – a denunciare l’accaduto l’europarlamentare della lega Susanna Ceccardi.

“E’ del tutto paradossale -prosegue Ceccardi- che Sassoli abbia voluto aprire la mini plenaria dell’Eurocamera a Bruxelles con un minuto di silenzio per la scomparsa di Jacques Chirac, le vittime del naufragio di Lampedusa e per la sparatoria avvenuta ad Halle. Con tutto il tempo che dedichiamo nell’aula del parlamento europeo per altre cose sicuramente meno importanti, mancava proprio un minuto di tempo per commemorare anche le vittime dell’attentato al Bataclan ordito dai fondamentalisti islamici dell’ISIS? Questa disparità di trattamento è allucinante, e chiediamo pertanto che Sassoli si scusi con i familiari delle vittime di Parigi per questa grave mancanza. Siamo in estremo imbarazzo per lui, come italiani e come europei. Non abbiamo altre parole per commentare l’accaduto se non una: vergogna”.

Bataclan: torture, castrazioni, decapitazioni, occhi strappati: così i jihadisti hanno ucciso i ragazzi

Condividi