Strano che chi ha subito il nazismo aiuti chi vuole imporre la censura con metodi tirannici

di Antonio Angelini

Liliana Segre è una donna del 1930 , Senatrice a vita. Testimone diretta dell’ olocausto degli ebrei , una delle pagine più brutte della storia assieme ad altri terribili genocidi. E’ ovvio che nessuna persona di buon senso possa non essere d’ accordo con una mozione che sia contro il razzismo o l’ antisemitismo.

Se più di 90 senatori si sono astenuti (ricordiamo che al Senato della Repubblica l’ astensione equivale a voto contrario ) un motivo ci sarà. Oppure credete che ci siano un centinaio di razzisti antisemiti eletti dal popolo italiano alla camera alta? Evidentemente questa mozione per la istituzione di una commissione parlamentare contro il razzismo e l’ antisemitismo contiene altro tra le righe . Anzi nasconde altro tra le righe. Così usiamo i termini giusti.

Iniziamo a chiederci se davvero sia necessaria una Commissione parlamentare contro il razzismo e l’ antisemitismo? Mi pare che siano valori condivisi da tutti in parlamento e fuori. Inoltre ho letto che una altra mozione contro razzismo e antisemitismo è stata presentata nella stessa giornata da altri e bocciata dalla sinistra e 5 stelle. Perchè?

Non è che per caso dietro una facciata giusta si nasconda il desiderio incolmabile di una certa classe dominante che i social , colpevoli secondo il PD di aver fatto perdere consenso ed elezioni , possano essere imbavagliati ? Quando sento contemporaneamente Marattin proporre il documento di indentità per aprire un profilo social e non chiedere invece nessun documento a chi entra in Italia da un barcone , mi viene in mente che per il PD e anche per i 5 Stelle il colpevole delle disfatte elettorali sia stato trovato. Il social media !! Al quale il cittadino ricorre per informarsi in mancanza di una stampa e tv credibile (e lo dico con il tesserino da giornalista in tasca) . Stampa ormai sempre più sputtanata dai social media e considerata ormai dai più come arma di distrazione di massa. Pensate a quanto debbano essere incavolati i grandi burattinai : ” ma come ci abbiamo messo 20 0 30 anni ad uniformare la quasi totalità dei media al pensiero unico che ci ha permesso di portare avanti la globalizzazione (portatrice di povertà e disoccupazione nel mondo occidentale) e non abbiamo pensato che la globalizzazione ci avrebbe portato i social media che sputtanavano l’ informazione tradizionale. E’ come se un virus potentissimo avesse però portato con sè l’ antivirus senza accorgersene.

Analizzando la mozione scopriamo che portava con sè la lotta contro l’ odio e l’ hate Speech. Come ci racconta la rivista “left” . (ne ho presa dal web una a caso di sinistra)

Già lo scorso anno la senatrice Segre aveva manifestato la preoccupazione per le analogie tra l’Italia fascista e quella sempre più razzista di oggi e aveva annunciato l’esigenza di creare una commissione che controllasse il crescente fenomeno dell’hate speech, sia dentro che fuori dalla rete. La Commissione conterà venticinque componenti: Liliana Segre presidente, un vice e due segretari e si occuperà di vigilare e proporre iniziative riguardo al controllo dei fenomeni di intolleranza, razzismo, istigazione all’odio e violenza basati su etnia, religione, provenienza, orientamento sessuale o identità di genere e sui discorsi d’odio, sempre più proliferanti soprattutto nel web, forme di espressioni che diffondono, incitano o giustificano l’odio di cui la stessa Segre è stata vittima”.

Appare evidente che la comissione non sia per nulla una commissione parlamentare contro il razzismo , ma che si voglia mettere un bavaglio ai social media. La Segre si è prestata oppure è stata manipolata. Se vi sono insulti su social esistono leggi e tribunali, e non c’ è alcun bisogno di formare un organo (vedrete che il tentativo è quello) che tappi la bocca a chi non è d’ accordo con il pensiero unico. E scommetto che l’ organo che vorranno creare sarà di tipo INDIPENDENTE . Vedrete .. come tutte le cose indipendenti in Italia , che sono indipendenti dalla politica e quindi dipendenti dal PD e da certi poteri.

Immaginate quando qualcuno racccontò che i rifugiati non erano rifugiati, ma migranti economici clandestini? sarà ancora possibile una cosa del genere? oppure quando un ragazzino di 20 anni scoprì che i clandestini non venivano raccolti nel “canale di Sicilia” ma presi direttamente a poche miglia delle coste africane? Sarà ancora possibile? E quando in un manipolo tanti anni fa raccontammo che l’ Euro non era poi quella meraviglia delle meraviglie che Prodi ci aveva promesso? Con un professore (oggi Presidente della commissione Finanze) che scriveva su un blog e seguito da pochi intimi. Tutto questo sarà ancora possibile oppure quel sito sarebbe stato chiuso con la scusa di una parolaccia o di un insulto? Sarà possibile scrivere su un social o su un sito che si è contrari ad adozioni gay e a reversibilità della pensione per i gay o magari contrari ai matrimoni gay? Oppure tutto questo sarà considerato odio, omofobia etc?

Ecco io se fossi la Senatrice a vita Segre e mi accorgessi di essere stata usata come scudo per scopi differenti, mi arrabbierei con la sinistra e con i suoi padroni. Perchè non dovete pensare che tutto questo sia farina del sacco di Zingaretti o Renzi o altri. Questi sono solo servi sciocchi casomai. Ed è questa la reazione che dovrebbe avere a mio avvviso la Segre. Altrimenti le conclusioni tiratele voi. Appare molto strano che una persona che così tanto ha subito dal Nazismo si presti ad aiutare chi vuole tappare la bocca ai social media con metodi da tirannia.

Cito Berlusconi , non proprio uno della estrema destra, che io ho spessissimo criticato: ” la mozione della maggioranza conteneva errori tecnico-giuridici dalle conseguenze preoccupanti, prefigurando l’introduzione di nuovi reati d’opinione e quindi sovrapponendosi in modo generico e confuso a norme già esistenti”.

Insomma questa sarà una commissione contro razzismo, antisemitismo oppure una commissione per mettere il bavaglio ad alcuni? Lo vedremo. E di questa commissione sentivamo davvero il bisogno?

A voi i commenti.

P.S. Una cosa da fare urgentemente, quando si riuscirà a votare, è eliminare i Senatori a vita.

http://blog.ilgiornale.it

Condividi