Consigliera ministero dell’Economia vendeva segreti fiscali a Ernst & Young

Susanna Masi, l’esperta del ministero dell’Economia vendeva i segreti fiscali del governo
I pm: «Ha preso 220 mila euro da Ernst & Young». Masi, consigliera in materia fiscale sia dell’ex ministro dell’Economia Saccomanni sia di quello attuale, Padoan, è anche in Equitalia. Accusati di corruzione la società Ernst&Young e il suo rappresentante italiano Marco Ragusa

Di questo  clamoroso caso di spionaggio ne parla Milano Corriere

Dal 2013 a gennaio 2015 i contenuti riservatissimi – e destinati in taluni casi a rimanere segreti – delle discussioni sulle normative fiscali che si tenevano al governo e al consiglio dei Ministri sono state, in cambio di un compenso di almeno 220mila euro, rivelati in tempo reale al colosso della consulenza legale tributaria Ernst & Young da una ex professionista del gruppo entrata a fine 2012 (nel governo di Mario Monti, che dunque ci lascia in eredità quest’altra “perla”) nella segreteria tecnica del sottosegretario all’Economia Vieri Ceriani, e poi divenuta consigliere in materia fiscale sia (nel governo Letta) del ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni, sia (nel governo Renzi) dell’attuale ministro Pier Carlo Padoan, venendo nel giugno 2015 nominata tra i 5 consiglieri di amministrazione di Equitalia spa. Una vera e propria bomba, di cui dà conto Il Corriere della Sera.

I pm milanesi Paolo Filippini e Giovanni Polizzi, a conclusione degli accertamenti, sulla base di email sequestrate e telefonate intercettate, ritengono dunque di accusare Ernst & Young Italia come società, e il suo senior partner e rappresentante italiano Marco Ragusa, di “corruzione” della consigliere ministeriale Susanna Masi. A quest’ultima i magistrati contestano pure l’ipotesi di “rivelazione di segreto d’ufficio” e il reato di “false attestazioni sulle qualità personali” per non aver dichiarato il proprio – clamoroso – conflitto di interessi.

Secondo i rilievi di indagine, il flusso informativo sarebbe stato bidirezionale. Da un lato Masi avrebbe “fornito a Ernst & Young notizie riservate possedute grazie al suo ruolo istituzionale di membro della segretaria tecnica” o “consigliere del ministro”, permettendo così al colosso di offrire ai grossi clienti, banche in particolare, servizi di ottimizzazione fiscale tarati sulle future norme. Dall’altro sarebbe avvenuto anche il contrario, e cioè la consigliera ministeriale si sarebbe “resa disponibile a proporre modifiche, a vantaggio di Ernst & Young e dei suoi clienti, alla normativa fiscale interna in corso di predisposizione, nella materia di transazioni finanziarie nella quale era direttamente coinvolta quale membro della segreteria tecnica del ministero”.

www.liberoquotidiano.it

 

Condividi