Cessione Ansaldo Energia: ci sarebbe una cordata italiana

18 dic – Finmeccanica torna sotto i riflettori a Piazza Affari sulle scommesse del mercato per la chiusura a breve di alcuni dossier che coinvolgono il gruppo, tra cui quello sulla cessione della quota della controllata Ansaldo Energia.

Il gruppo italiano, secondo fonti vicine al dossier, ha ricevuto ieri un’offerta vincolante da parte della cordata italiana guidata dal Fondo Strategico Italiano e domani dovrebbe esserci un Cda chiamato a rispondere della proposta.

“L’operazione Ansaldo Energia e le indiscrezioni sull’offerta della cordata italiana riportano l’attenzione sul titolo anche se non sono ancora chiare le valutazioni”, commenta un trader.

Della cordata farebbero parte anche il gruppo Energia Brescia (coordinato dal gruppo Camozzi), il gruppo Acciaierie Venete e l’imprenditore Davide Usberti, i quali lo scorso ottobre hanno siglato un memorandum di intesa con Fsi finalizzato ad un possibile investimento di minoranza in Ansaldo Energia. Negli ultimi giorni si sarebbe unita anche la Fondazione e Banca Carige. Finmeccanica è in trattativa anche con i tedeschi di Siemens e il gruppo coreano Doosan per una cessione della sua quota del 55% in Ansaldo Energia; il restante 45% è del fondo statunitense First Reserve.

Il dossier Ansaldo Energia si intreccia anche con le discussioni intorno al destino di Avio.

Sulla cessione della quota di controllo del gruppo aerospaziale torinese posseduta dal fondo Cinven si starebbe per chiudere a giorni l’accordo con General Electric, hanno riferito ieri fonti vicine all’operazione. reuters

Condividi