L’Europa inonda l’Africa del suo finto latte distruggendo allevamenti locali

Le multinazionali del latte in polvere europee stanno inondando l’Africa occidentale con i loro prodotti, a basso costo ma di scarsa qualità, mettendo in difficoltà il settore locale e abbassando anche il livello dell’alimentazione delle popolazioni. Negli ultimi anni hanno quasi triplicato le loro esportazioni nella regione, spedendo latte in polvere prodotto dagli agricoltori europei fortemente sovvenzionati da fondi pubblici, da trasformare in latte liquido.

In un’inchiesta condotta nell’arco di sei mesi in Burkina Faso, Mali, Mauritania e Senegal, Politico ha indagato sull’impatto devastante che le importazioni di questo prodotto hanno ha avuto sulle industrie lattiero-casearie di quei paesi e sugli effetti a catena sulle società. L’industria locale afferma che gli europei utilizzano i mercati dell’Africa occidentale per scaricare galloni di un prodotto che per la sua bassa qualità che non sono in grado di vendere nell’Ue. Questo sosia del latte economico è pieno di grassi vegetali tra cui l’olio di palma, ma il suo basso costo e il fatto che venga venduto ovunque rendono impossibile la competizione, portando a una spirale di declino economico.

“Ho provato a vendere il mio latte, ma il più delle volte va sprecato e finisce per essere gettato via”, ha spiegato Hamidou Bandé, presidente dell’Unione nazionale dei pastori del Burkina Faso. “Fa male. Il latte che buttiamo potrebbe essere stato per i vitelli o per i nostri bambini “. Gli animali che alleva, ha spiegato al giornale, è costretto a venderli all’estero per il consumo di carne, ma il latte che producono non riuscendo a venderlo è spesso costretto a buttarlo.

I dati sul commercio sottolineano il predominio dell’Europa nel settore caseario. L’Ue è il più grande produttore di latte vaccino al mondo con 145 milioni di tonnellate prodotte nel 2018, seguita dagli Stati Uniti, che ha prodotto 99 milioni di tonnellate e dall’India, che ha prodotto 76 milioni di tonnellate nello stesso anno. La produzione è aumentata a partire dal 2016 dopo che il sistema di quote è stato abolito. Le esportazioni di polvere ricca di grassi sono aumentate a 276.892 tonnellate all’anno nel 2018, un aumento del 234% in 10 anni, secondo l’European Milk Board, un ente commerciale per i produttori di latte in 16 Paesi.

Come riporta il quotidiano online secondo i dati dell’Ue, le esportazioni di “prodotti per la preparazione del cibo” in Burkina Faso (la stragrande maggioranza dei quali sarebbe latte in polvere) sono aumentate dalle 1.529 tonnellate del 2009 a 8.176 tonnellate del decennio successivo. Il Senegal ha importato circa 85.981 tonnellate di prodotto lo scorso anno rispetto alle 65.529 tonnellate del 2017. E la quantità di polvere ricca di grassi che entra in Nigeria è quadruplicata negli ultimi 17 anni, raggiungendo le 94.464 tonnellate lo scorso anno. Anche aziende neozelandesi, statunitensi e altrove esportano polvere ricca di grassi in Africa occidentale, ma a un tasso inferiore.

Molti paesi dell’Africa occidentale, compresa la più grande economia del continente, la Nigeria, hanno già preso provvedimenti per provare a frenare la crescente ondata di importazioni di latte e hanno implementato politiche per sostenere gli agricoltori e proteggere la produzione locale di latte. Ma i produttori di latte dicono che la concorrenza è così intensa che ormai è troppo poco e troppo tardi.“

https://www.agrifoodtoday.it

Condividi