Antirazzismo, Danimarca cambia nome al gelato

COPENHAGEN – Un azienda produttrice di gelati danese, la Hansens, ha reso noto di aver ribattezzato il suo gelato finora chiamato “Eskimo”, perché il termine ricorda agli Inuit e agli altri popoli artici “un passato di umiliazione e trattamento ingiusto”, un’iniziativa salutata da un deputato della Groenlandia che ha invitato il resto del settore a imitarlo. “Dopo un’attenta considerazione, abbiamo deciso di dare un nuovo nome più appropriato al nostro gelato”, ha scritto la Hansens sulla sua pagina Facebook, in un momento in cui “i dibattiti pubblici sui trattamenti sprezzanti e le disuguaglianze sono in aumento per quanto riguarda le minoranze e le popolazioni indigene “.

L’azienda ha spiegato che inizialmente non intendeva rinunciare a questo termine, che è stato sempre più rifiutato sin dagli anni ’70 dai circa 140.000 abitanti indigeni dell’Artico. “Ma dopo il dialogo e le indagini, ci è diventato chiaro che le persone credono che il nome Eskimo ricordi loro un passato di umiliazione e trattamento ingiusto – a cui non avevamo mai pensato prima”, ha scritto la Hansens.

Aaja Chemnitz Larsen, uno dei due deputati che rappresentano la Groenlandia nel parlamento danese, ha accolto con favore la decisione, ricordando che il termine significa “mangiatore di carne cruda”, anche se l’etimologia è oggetto di dibattito tra linguisti. “Eskimo ha un significato dispregiativo per molti groenlandesi. Quindi trovo naturale avere questo segno di rispetto per noi”, ha detto. (ANSA-AFP).

Condividi