Coronavirus, tanti casi di ricaduta: forti dubbi sull’efficacia di un vaccino

Condividi

 

Mentre si moltiplicano i casi di guariti di coronavirus che tornano a contrarre il virus, cresce la paura che anche un vaccino potrebbe non essere davvero efficace contro la malattia. Se gli anticorpi prodotti da un ex positivo non proteggono da un ritorno dalla malattia a distanza di poche settimane, lo potrà fare un vaccino? Gli esperti si interrogano e gli studi epidemiologici danno indicazioni tutt’altro che rassicuranti.

Infezioni bis in tutto il mondo – Seconde infezioni vengono segnalate in tutto il mondo: l’ultima nel nostro Paese, una donna di Pozzuoli, 84 anni, che è risultata di nuovo positiva al Covid dopo aver contratto la stessa malattia ad aprile, con sintomi poco gravi, risolta nel giro di un mese. Tuttavia Pierangelo Clerici, presidente dell’Associazione microbiologi clinici italiana, scrive il “Corriere della Sera”, precisa che non è chiaro se si tratti davvero di seconde malattie oppure se il virus sfugga al tampone, pur presente nell’organismo, o ancora se frammenti virali restino nel corpo a lungo, a sintomi ormai terminati.



Immunità double face – Una ricerca italiana pubblicata su Bmj Global Health ipotizza che l’immunità acquisita non solo non sarebbe protettiva, ma potrebbe favorire reinfezioni con sintomi più gravi. C’è un altro studio del King’s College di Londra che parla di un’immunità lunga pochi mesi: nei pazienti esaminati gli anticorpi raggiungono il picco dopo tre settimane e successivamente diminuiscono.

Anticorpi e protezione – Dagli studi risulta che i malati sviluppano anticorpi entro 19 giorni in grado di respingere eventuali nuovi attacchi. Ma non è chiaro quanto duri l’immunità concessa da questi anticorpi. A complicare le cose le cose c’è la natura di questo specifico virus, che fa ammalare la stragrande maggioranza senza sintomi o con sintomi molto deboli: impossibile quindi sapere se la risposta immunitaria sia realmente protettiva.

Come le influenze comuni – Inevitabile quindi che ci siano forti dubbi sull’efficacia del vaccino: sarà temporanea? Questa è l’ipotesi più probabile, visti gli esiti di molte ricerche. Il meccanismo sembra quello delle influenze comuni, in cui lo stesso virus può tornare a infettare di nuovo le stesse persone, anche se l’eventualità dovrà essere confermata da altri test clinici. La responsabile dello studio inglese Katie Doores chiarisce: “La produzione di anticorpi di chi si ammala ha riguardato nei nostri casi solo un breve periodo. E se l’infezione genera anticorpi così limitati nel tempo, anche la copertura di un futuro vaccino teoricamente avrà una durata limitata”.

Anticorpi boomerang – Si fa strada inoltre l’idea che gli anticorpi potrebbero anche rivelarsi una sorta di boomerang. Un altro studio, spiega il “Giornale”, condotto tra i colleghi italiani dell’Irccs Burlo Garofalo di Trieste, ha puntato l’attenzione sulla “elevata trasmissibilità e sul tasso di casi severi tra gli operatori sanitari”, afferma Luca Cegolon, medico epidemiologico all’Ausl 2 di Marca Trevigiana di Treviso. Colpisce, dicono gli esperti, anche la minore incidenza tra i bambini, che hanno meno anticorpi rispetto agli adulti perché non hanno ancora avuto modo di svilupparli: questo potrebbe proteggerli maggiormente dal rischio infezione.

Funzionamento dei coronavirus – D’altra parte, tutti i coronavirus possono essere contratti più di una volta, indipendentemente dagli anticorpi sviluppati inizialmente. Per i ceppi più pericolosi, il Mers-CoV e il Sars-CoV, si è identificato il fenomeno immunologico dell’Antibody Dependent Enhancement, scatenato da re-infezioni. Secondo Cegolon “non solo l’immunità acquisita non sembra proteggere ma può allearsi con il virus durante infezioni secondarie per facilitarne l’ingresso, sopprimere l’immunità innata e scatenare o amplificare una reazione infiammatoria importante dell’organismo”. Chi ha contratto il virus in primavera dunque potrebbe riammalarsi in autunno. Magari in modo più violento.  www.tgcom24.mediaset.it

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -