Austria e Germania non accoglieranno migranti dalla Turchia

L’Austria fermerà tutti i migranti che tentano di attraversare i suoi confini se le misure per fermarli in Grecia e attraverso i Balcani falliranno”, ha annunciato il ministro degli Interni di Vienna, Karl Nehammer, il quale ha poi sottolineato con favore i ‘muri’ che Ungheria e Croazia hanno detto di elevare lungo la rotta che dalla Grecia, via Balcani, porta al resto d’Europa. Il governo austriaco non è nuovo a posizioni di questo tipo, ma l’alleanza del premier conservatore Sebastian Kurz con i progressisti verdi sembrava poter ammorbidire i toni anti-immigrazione.

A dare sostegno a Vienna ci ha pensato stavolta la Germania, che nel 2015 fu centrale nello sbloccare la risposta Ue alla crisi dei migranti. “I turchi fanno sapere ai migranti e ai profughi che la strada per l’Europa è aperta, ma non è vero”, ha dichiarato il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, parlando della “sconcertante situazione ai confini esterni dell’Unione europea con la Turchia, sia alle frontiere di terra che in mare”. “Rimane valido”, ha aggiunto il portavoce, quanto ha già dichiarato la cancelliera Angela Merkel: l’apertura dei confini tedeschi ai profughi siriani dell’estate del 2015 non sarà ripetuta.

Posizioni che hanno favorito la decisione della Grecia di respingere con la forza gli arrivi dalla Turchia e di sospendere le richieste d’asilo. Una scelta duramente criticata dall’Unhcr: “Le autorità dei Paesi europei non devono aumentare le sofferenze dei migranti che si stanno dirigendo verso la Ue dalla Turchia e devono evitare un uso eccessivo o sproporzionato della forza”, ha dichiarato l’agenzia Onu per i rifugiati, che ha inoltre ricordatio che sospendere l’accoglienza delle richieste di asilo va contro non solo il diritto Onu, ma anche quello della stessa Ue.

http://europa.today.it

Migranti in arrivo dalla Turchia, Sassoli: “dobbiamo accoglierli e proteggerli e non lasciare sola la Grecia. Chi arriva in Grecia arriva in Europa”

Migranti dalla Turchia, Sassoli: dobbiamo accoglierli e non lasciare sola la Grecia

 

Condividi