Bergoglio: i migranti non sono una minaccia, basta ostilità

I migranti “affrontano viaggi rischiosi per sfuggire alla violenza, alla guerra, alla povertà”, e “sperimentano l’indifferenza, l’ostilità, non li lasciano sbarcare nei porti”: “sono sfruttati da trafficanti criminali; sono trattati come numeri e come una minaccia da alcuni governanti; a volte l’inospitalità li rigetta come un’onda verso la povertà o i pericoli da cui sono fuggiti”.

Lo afferma Papa Francesco durante l’Udienza generale. “Noi come cristiani, dobbiamo lavorare insieme per mostrare ai migranti l’amore di Dio”. Per il Papa, “come cristiani, dobbiamo lavorare insieme per mostrare ai migranti l’amore di Dio”: “possiamo e dobbiamo testimoniare che non ci sono soltanto l’ostilità e l’indifferenza”.  rainews.it

Bergoglio: il meticciato può creare un popolo nuovo e migliore

Condividi