Consiglio UE, gli ‘amici’ di Soros cacciano il portavoce di Orban

Zoltan Kovacs twitter

Il portavoce di Viktor Orban, Zoltan Kovacs, e’ stato allontanato dalla sala del Consiglio dell’Unione Europea, dopo la pubblicazione di una serie di tweet che rivelava il contenuto del dibattito a porte chiuse in corso tra i ministri degli Affari europei sul rispetto dello Stato di diritto in Ungheria. In un tweet questa mattina, Kovacs aveva accusato gli Stati membri di farsi trascinare dalla ”Orchestra di Soros” in uno scontro politico con il governo di Orban.

Nel corso del dibattito al Consiglio affari generali, il portavoce di Orban ha poi pubblicato su Twitter le posizioni dei singoli ministri, criticandoli duramente. Nella sala del Consiglio Ue, la cronaca del dibattito e i commenti di Kovacs non sono piaciuti a alcuni ministri, che hanno protestato con la Finlandia, che ha la presidenza di turno. A quanto si apprende il lussemburghese Jean Asselborn avrebbe minacciato di lasciare la sala se Kovacs non fosse stato allontanato. A quel punto, la ministra finlandese Tytti Tuppurainen, che presiedeva il Consiglio Affari generali, ha chiesto a Kovacs di lasciare la sala e all’Ungheria di dare una spiegazione scritta per aver pubblicato il contenuto di una riunione a porte chiuse.

A quanto pare Kovacs si era gia’ allontanato, ma su Twitter ha continuato a criticare i ministri. Per giustificare le sue accuse, il portavoce di Orban ha anche pubblicato una fotografia della vicepresidente della Commissione responsabile per lo Stato di diritto, Vera Jourova, insieme al al famigerato finanziere speculatore internazionale Sorosilnazionalista.it

Condividi