Lucano torna a Riace, revocato divieto di dimora

Condividi

 

Il tribunale di Locri, in Calabria, ha revocato il divieto di dimora nei confronti dell’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano, nell’ambito dell’inchiesta sui presunti illeciti nella gestione dell’accoglienza dei migranti, accogliendo l’istanza dei suoi legali.

Lucano si era dovuto allontanare dalla cittadina multietnica in provincia di Reggio Calabria a causa delle inchieste giudiziarie, dopo la decisione del Riesame che a ottobre 2018 gli aveva revocato i domiciliari, ma imposto il divieto di dimora.



Si era rifugiato poco distante, a Marina di Caulonia, e non si era mai arreso a veder tramontare il modello-Riace. “La giustizia farà il suo corso – ha detto Lucano dopo aver appreso la notizia dai suoi avvocati – la prima cosa che farò è tornare a Riace e quando sarò a casa andrò da mio padre malato, oltre ad abbracciare i migranti“.

Il sistema Riace: voti, matrimoni falsi, migranti trattati come numeri, 2 milioni di euro spariti

Tribunale del Riesame: a Riace «sistema opaco e inverminato di illegalità»

Riace, procuratore di Locri: spariti 2 milioni, il sindaco li avrebbe usati per fini personali

Modello Riace, “veniva fatta la cresta perfino sulle spese di carburante”

Riace: Lucano prestava i soldi dei migranti agli amici in cambio di voti

Riace: con i soldi dei migranti si pagavano anche pranzi e cene

Riace, coi soldi per i migranti si pagavano feste e cantanti di sinistra

Riace, scandalo senza fine: magistrato avvertiva Lucano “non parlare al telefono”

Il modello Riace: fatture false, costi gonfiati, gestione opaca, finti matrimoni e gravi irregolarità

Abuso d’ufficio, concussione e truffa: indagato sindaco immigrofilo di Riace

 



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -