Mondiali Qatar 2022: 1400 lavoratori migranti muoiono costruendo stadi

Condividi

 

Almeno 1.400 lavoratori migranti dal Nepal sono morti mentre contribuivano a costruire gli stadi di calcio per la Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar, ha rivelato un documentario di shock TV. !4000 solamente dalNepal, ma ce ne sono almeno 3000 da tutto il mondo, schiavizzati. Torniamo però al recente documentario. Gli incidenti nei cantieri e le squallide condizioni di vita nello stato del Golfo provocano circa 110 vittime ogni anno, secondo le cifre del governo nepalese. E le famiglie di defunti in lutto hanno riferito all’emittente televisiva tedesca WDR di non aver ricevuto alcun compenso da Doha per le loro tragiche perdite.

Il documentario investigativo della WDR, intitolato “Intrappolato in Qatar”, ha rivelato venerdì la straziante situazione dei lavoratori costretti a vivere in campi affollati senza molti bisogni umani fondamentali. Nonostante gli sforzi del Nepal per scoraggiare i suoi cittadini dal recarsi in Qatar per lavoro, molti continuano a lasciare la speranza di trovare posti di lavoro meglio retribuiti.



Un muratore nepalese di stadi, Dil Prasad, ha detto: “Siamo catturati e ogni giorno ci nutriamo di acqua e pane. Senza soldi non possiamo fare altro. Mese su mese la nostra situazione peggiora. Non sono sicuro per quanto tempo ancora posso farlo. Voglio solo andare a casa. Non possiamo neppure chiamare le nostre famiglie in Nepal “.

Dinesh Regimi, un giornalista di Katmandu che ha trascorso tre anni in Qatar come reporter, ha dichiarato che le condizioni per i lavoratori nepalesi non sono migliorate da quando Doha ha vinto la sua offerta per la prestigiosa competizione calcistica quasi un decennio fa. “Quando ero lì qualche anno fa, ho visto solo la sofferenza dei lavoratori nepalesi che emigrarono in quel paese inospitale con molte speranze. A loro è stato negato uno stipendio base, le loro condizioni di vita erano pessime e c’era sempre una lunga fila (di lavoratori migranti) nell’ambasciata nepalese a Doha in cerca di aiuti e soccorsi “, ha detto Regimi ad Arab News.

 

Ha aggiunto: “I migranti hanno incontrato difficoltà nel tornare a casa. Alcuni sono morti mentre lavoravano, alcuni sono morti mentre dormivano. Il calore e le condizioni di vita hanno causato molte vite. Il governo del Qatar non condurrebbe alcun post-mortem su questi lavoratori. “Posso garantire per 150 morti all’anno. Per me è stato difficile vedere il dolore dei lavoratori “. Nel 2017, Regimi si è recata in Nepal per incontrare famiglie che avevano perso i propri cari che lavoravano in Qatar. Kishore Tamang, del distretto di Bara in Nepal, a circa 250 km a sud della capitale Katmandu, nel 2015 è andato in Qatar sperando di guadagnare abbastanza denaro per pagare i debiti familiari. Ma nel giro di un anno era morto, dopo essere stato ucciso in una caduta da un muro in un nuovo stadio di calcio in costruzione per la Coppa del Mondo. Nessun compenso è stato pagato alla sua famiglia.

Era una storia simile per la famiglia di Jagat Nepali del distretto di Nuwakot. Nel giro di sei mesi dall’arrivo in Qatar ha subito un arresto cardiaco causato, i suoi parenti hanno detto, dal caldo intollerabile e dalle condizioni di vita povere nel campo dei lavoratori migranti.

Un funzionario del governo del Dipartimento per l’Immigrazione del Nepal, ha dichiarato a Arab News: “Siamo consapevoli della situazione in Qatar e delle difficoltà che i lavoratori nepalesi devono affrontare. Cerchiamo di scoraggiare le persone dall’andare in questi posti “.

https://almaghrebiya.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -