Omicidio Ramelli: prefetto di Milano vieta il corteo

Condividi

 

Vietato ricordare i crimini dei comunisti – Il prefetto di Milano Renato Saccone non consentirà il corteo per ricordare Sergio Ramelli il prossimo 29 aprile. Come negli anni passati, sarà autorizzata solo una cerimonia, ovvero una manifestazione “statica” nei pressi di via Paladini. E nessuna fiaccolata o camminata per le vie della città. La conferma arriva dalla prefettura dopo gli appelli di un gruppo di 60 parlamentari e della stessa leader di Fdi, Giorgia Meloni.

La decisione del prefetto di Milano è stata presa qualche giorno fa, prima degli appelli e dello ‘scontro politico’ sul ricordo del giovane attivista di Fronte della Gioventù, ucciso nel 1975 dai militanti di Avanguardia Operaia.



“Inspiegabile il divieto da parte della prefettura di Milano al corteo di commemorazione di Sergio Ramelli” scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “L’unica ‘colpa’ di questo ragazzo fu quella di avere aderito al Fronte della Gioventù ed è assurdo negare un momento di preghiera e riunione per un ragazzo ammazzato, nascondendosi dietro al fantasma del fascismo. I parlamentari di Fratelli d’Italia hanno firmato in queste ore un appello al prefetto perché non si vieti il corteo: non impediamo il giusto ricordo di Sergio per motivi ideologici, rispettiamo la sua memoria”. (AdnKronos)



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -