Germania, senatore Spd: integrare i terroristi ISIS con l’aiuto delle moschee radicali

Condividi

 

sostenitori dell’ISIS in Germania

Il senatore tedesco Andreas Geisel, del partito SPD (socialdemocratici), sta attualmente verificando se i combattenti dell’ISIS possano essere integrati con l’aiuto delle moschee radicali a Berlino. Geisel ha proposto il suo piano durante un’intervista alla 22a convention della polizia. Nell’intervista ha manifestato l’intenzione di utilizzare “Legalists”. I “legalisti“, secondo le agenzie di sicurezza tedesche, sono musulmani radicali, che vogliono raggiungere i loro obiettivi senza l’uso della violenza. La Fratellanza Musulmana e il turco Milli Görüs sono solo due esempi.

Gunnar Schupelius, giornalista del tabloid BZ, commenta: “La proposta di Geisel sembra voler usare gli incendiari per spegnere il fuoco”. Per assicurarsi che Geisel non fosse stato frainteso, il giornalista lo ha raggiunto nel suo ufficio, dove il senatore ha chiarito che questa è effettivamente una proposta che viene attualmente valutata, sostenendo che “Il dialogo tra comunità musulmane” legaliste”, che non usano la violenza e la rifiutano, potrebbe essere utile per portare a una deradicalizzazione” (dei jihadisti).



Il combattente dell’ISIS sarebbe quindi preso in carico dai musulmani, che si oppongono alla legge tedesca e vogliono creare un califfato, però senza l’uso della violenza.

Karsten Woldeit, del partito di destra Afd, ha dichiarato: “Quelli che aspirano a una teocrazia, non hanno posto in Germania”.

Anche il ministro degli Interni federale Seehofer, del partito CSU, ha un punto di vista diverso: “I jihadisti possono essere riportati qui solo se ricercati con un mandato”.

voiceofeurope.com



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -