Presidente Kirghizistan: le donne in minigonna non diventano kamikaze

 

Almazbek-Atambayev

Almazbek Atambayev, il presidente del Kirghizistan ha cercato di dissuadere le donne del paese dal vestirsi in hijab, niqab e burqa dicendo: “Le nostre donne indossano minigonne dal 1950, e non hanno mai pensato di indossare una cintura esplosiva.”
I suoi commenti arrivano dopo diverse settimane di polemiche a seguito di una campagna governativa promossa per scoraggiare le donne del Kirghizistan dal vestirsi in abiti islamici, nel timore di una progressiva “arabizzazione” del paese.

In tutto il Kirghizistan sono stati esposti manifesti che mostrano donne in abiti tradizionali della nazione in contrasto con le donne in niqab e burqa con la didascalia: “Povera gente! Dove stiamo andando? ”

Molte persone nel paese a maggioranza musulmana si sono indignate per la campagna e hanno sottolineato che il tradizionale copricapo “elchek” del Kirghizistan è quasi come conservatore come l’hijab.
Atambayev ha detto: “Quando abbiamo eretto striscioni alle persone intelligenti è apparso subito chiaro che ci riferiamo alle minigonne.

Le nostre donne indossano minigonne dal 1950, e non hanno mai pensato di indossare una cintura esplosiva. “Si può indossare un velo sulla testa, ma non organizzare attentati. Questa non è la religione.
Il presidente del paese a maggioranza musulmana ha parlato di ‘arabizzazione’ della nazione ed ha poi aggiunto: “I terroristi sono persone folli. I vestiti possono anche cambiare i propri pensieri a volte.”

“Quando eravamo alla ricerca di prigionieri fuggiti da un centro di detenzione, Melis Turganbayev (l’ex ministro degli interni) è venuto da me e mi ha detto che erano state intercettate conversazioni telefoniche di mogli e amanti dei criminali.

“Le loro mogli e amanti portavano sacchi sulle loro teste e volevano organizzare attentati.”

“Se non ti piace il Kirghizistan si può lasciare il nostro paese e andare dove vuoi.

“Siamo in grado di pagare le spese di viaggio, anche in Siria.”

thesun.co.uk



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -