Foggia: aggressioni e rapine, guerra tra nigeriani nel centro di accoglienza

 

FOGGIA, 16 GIU – Avrebbero aggredito e rapinato alcuni connazionali nel Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara) di Borgo Mezzanone (Foggia), nell’ambito di una sorta di guerra tra bande di nigeriani per aggregare con la violenza altri affiliati.

Sono le accuse per tre nigeriani, due dei quali – Chinedu Iguebueze di 26 anni e Enesele Basmir di 24 anni – sono finiti in carcere ad opera della Squadra Mobile di Foggia e dei loro colleghi dello Sco di Roma, mentre per il terzo, Idris Hassan di 21 anni, è scattata la misura cautelare del divieto di dimora a Borgo Mezzanone.

La struttura attualmente ospita circa 1.300 migranti, dei quali circa 300 nigeriani. Iguebueze e Basmir devono rispondere a vario titolo di rapina in concorso, lesioni e porto di arma impropria; Hassan di lesioni e porto d’arma impropria. Per gli stessi reati contestati a Iguebueze e Basmir il 19 aprile scorso erano stati fermati Festus Alabi, di 20 anni, e Louis Danel, di 21 anni, nigeriani anche loro ospiti del Cara di Borgo Mezzanone. ansa



   

 

 

1 Commento per “Foggia: aggressioni e rapine, guerra tra nigeriani nel centro di accoglienza”

  1. Bergoglio, vai a lavare i piedi ai tuoi amichetti, così che Dio possa rendertene demerito per quello che anche tu, assieme ai vari Rothschild & Rockefeller ci state preparando!!

    Razzisti, UOMOFOBI, già, perche avete nell’animo l’odio per la razza umana e le bellezze dell’Universo!! Altro che Dio! Voi non sapete neppure che cosa sia!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -