Messaggio audio dellʼIsis: nel mese del Ramadan attaccate Europa e Usa

 

Strano messaggio dell’ISIS che esalta l’inesistente campagna USA contro i jihadisti

isis-usa

Nuovo discorso audio dell’Isis, che torna a lanciare i consueti attacchi contro gli “Stati Uniti, i Crociati e gli ebrei”, ma non fa alcun riferimento al mistero dell’Airbus dell’Egyptair inabissatosi nel Mediterraneo. E’ stato il portavoce Abu Muhammad al-Adnani per 31 minuti a scandire attacchi e minacce contro Stati Uniti e Europa, in particolare nel mese del Ramadan, che comincia il 6 giugno.

Nel mirino di Adnani la fantomatica campagna condotta dagli Stati Uniti contro lo Stato Islamico, come se, scrive il Washington Post, i jihadisti avessero sofferto per le perdite subite nell’ultimo periodo. “Anche se perdiamo Raqqa o Sirte, non saremo sconfitti“, ha sottolineato al-Adnani. Ma ha anche ribadito che l’unico modo per sconfiggere lo Stato islamico è “strappare il Corano dai nostri cuori”.

Siria: i raid Usa rafforzano Isis, conquistati 7 villaggi nel nord

Raid USA rafforzano Isis: attaccata raffineria di Baiji in Iraq

Senza i raid USA, Isis non avrebbe potuto guadagnare territorio.

I raid USA rafforzano Isis: conquistata Al Qaryatain

Grazie ai raid USA: ISIS avanza in Iraq, conquistato anche il governatorato di Anbar

Raid Usa, ISIS in Iraq conquista due città in due giorni

Con i raid USA Isis avanza, è a soli 2 km da Kobane. Si temono stragi e massacri

Grazie ai raid USA, Isis avanza di 5 km verso la Turchia

Raid Usa, lo Stato Islamico avanza anche in Iraq: conquistata la citta’ di Heet

Siria, ministro degli Esteri: i raid Usa non hanno indebolito Isis (infatti non hanno mai avuto questo scopo)

Il portavoce dell’Isis non era più intervenuto in rete da ottobre e a gennaio è stato dato per ferito in un raid americano nella provincia irachena di Al Anbar. Così come assente mediaticamente da dicembre è il capo dello stato islamico Abu Bakr al Baghdadi.

Qualche ora prima della diffusione dell’audio, intitolato con una citazione del Corano – versetto 42 dell’ottava Sura – che in italiano recita: “Chi doveva vivere, visse con una prova”, sono cominciati a spuntare in rete foto di bigliettini scritti a mano da jihadisti che, in arabo o inglese, davano lo stesso annuncio: “Aspettiamo un nuovo messaggio”. Un’attesa che si è caricata di aspettative visto che a distanza di tre giorni dallo schianto dell’aereo dell’Egyptair, che molti considerano un atto di terrorismo, non c’è stata fino ad ora alcuna rivendicazione.

Gli scatti postati dai jihadisti, stando a quanto scrive ancora il Site che ne pubblica alcuni, sarebbero stati fatti in diversi Paesi del mondo: in Europa, dal Belgio alla Germania, dalla Gran Bretagna all’Olanda, alla Svezia; e negli altri continenti, come Arabia Saudita, Somalia, Canada, Malaysia, Libano, Marocco e Colombia.

“Siamo tra voi” – Tra questi, il bigliettino “saudita” appare fotografato sopra una divisa dell’Air Force del regno wahabita, in quello di Londra si vede chiaramente un classico bus rosso a due piani, altri sono accompagnati da munizioni, uno da carte di credito. Il ‘messaggio nel messaggio’ è chiaro: ‘Siamo ovunque’. Già nell’aprile del 2015 la propaganda jihadista scelse di mostrare le foto di bigliettini scritti a penna sullo sfondo del Colosseo e del Duomo di Milano, con la minaccia: ‘Siamo tra voi’.  con fonte TGCOM24

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -