Pugno in faccia a studentessa per rubarle il cellulare, arrestato marocchino

Bologna – Rapina in via Zamboni: studentessa presa a pugni e derubata del cellulare

Ha prima rapinato una studentessa, sferrandole un cazzotto per strapparle in telefonino dalla mani, poi ha derubato dello zaino un ragazzo. Alla fine però è stato intercettato ed arrestato dalla polizia. L’autore è un 23enne marocchino, irregolare sul territorio e colpito da un decreto di espulsione, non rispettato.

E’ successo ieri sera in centro. Da quanto si apprende, poco dopo le 21.30 la prima vittima ha allertato il 113, riferendo di essere stata aggredita e derubata da un soggetto, descritto come un giovane magrebino. La studentessa, 22enne di origini toscane, ha raccontato agli agenti che mentre camminava lungo via Zamboni con il cellulare alla mano, è stata avvicinata dal malintenzionato, che era a bordo di una bici. Lo straniero le ha sferrato un pugno in faccia, per poi portarle via il telefonino e fuggire velocemente.

Utile al rintraccio del ladro una seconda telefonata giunta alla polizia, nella quale un cittadino segnalava di aver visto un magrebino correre all’impazzata in bicicletta lungo via dei Bersaglieri e liberarsi di uno zaino, lanciandolo dalla bici in corsa.
Proprio qui nei pressi, dopo aver perlustrato la zona, i poliziotti sono riusciti ad identificare il 23enne. Rinvenuto anche lo zainetto, che apparteneva ad un ragazzo, derubato dal marocchino poco prima.

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -