La lezione di Bonolis al vittimismo della “straniera” in Tv


“Sono nata in Austria, i miei genitori sono cinesi e vivo in Italia. Da quando ne ho ricordo, mi prendono sempre in giro. Sono sempre stata presa di mira e messa da parte per il semplice motivo che la mia faccia è straniera. Ma parlo italiano e la mia cultura è italiana. Eppure cosa sono? Straniera, solo perché la mia faccia non ha i vostri lineamenti”. E’ lo sfogo, accompagnato dalle lacrime, di una ragazza di 19 anni che, venerdì sera, ha partecipato alla puntata di ‘Ciao Darwin 7′.

La reazione commossa della giovane ha così spinto il conduttore Paolo Bonolis a intervenire: “Stiamo facendo una trasmissione televisiva di una assoluta leggerezza. In questo momento, forse, i temi che stiamo affrontando c’entrano ben poco con lo spirito della trasmissione”. E aggiunge: “C’entrano poco ma ci dicono anche un’altra cosa. Che se voi siete qui e state giocando insieme a loro, probabilmente, questa immensa differenza, che continuano a dirci che c’è, in realtà non c’è”. ADNKRONOS



   

 

 

1 Commento per “La lezione di Bonolis al vittimismo della “straniera” in Tv”

  1. La TV è spettacolo, lo spettacolo è finzione… prendere per vero quello che appare in TV, telegiornali compresi, è da creduloni o da folli.
    Bonolis, non parla in italiano, ma una offensiva storpiatura della nostra bella lingua, non diffonde certo la cultura italiana ma una sorta di orgoglio dell’ignoranza e del “brutto” nemmeno originale, che fa rimpiangere Er Monnezza ed eleva la cinesina ad intellettuale, se entrambi i personaggi fossero veri, ovviamente.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -