Fanatico di sinistra pesta un parà: “la maglietta mi sembrava fascista”

Perugia, Vede giovane con una “strana” maglietta: ferma l’auto e lo picchia alla fermata dell’autobus

para-folgore

Una storia a dir poco surreale, se non fosse che a raccontarla è stato lo stesso protagonista della vicenda. “L’ho picchiato perché non mi piaceva la sua maglietta”. Ma non finisce qui, perché sempre in base al racconto emerso in aula, l’uomo avrebbe aggredito il giovane senza neanche conoscerlo. “Quando l’ho notato alla fermata dell’autobus, ho deciso di fare inversione con l’auto per andarlo a picchiare”. Un’aggressione in piena regola insomma.

La scintilla che ha fatto accendere la rabbia, sempre stando al racconto in aula, è stata quella scritta sulla t-shirt che recitava “Belli come la vita, Neri come la morte”. Per lui, infatti, la frase era palesemente fascista, senza sapere che in realtà si trattava semplicemente di un motto parà.

Alla fine il giovane sarebbe stato picchiato senza alcun motivo. Successivamente è infatti emerso che non apparteneva a nessun schieramento politico, ma che era semplicemente un paracadutista. A finire nei guai in tutto due persone. Il primo sentito come testimone assistito, stante il precedente patteggiamento, e difeso dall’avvocato Gianfranco Virzo, si è assunto la responsabilità di quanto successo confermando che il secondo imputato è estraneo ai fatti. Versione quest’ultima confermata dall’aggressore che ha dichiarato: “Si trovava semplicemente in auto. Sono stato io a compiere il gesto e decidere di picchiare il ragazzo”. L’udienza è stata rinviata per la discussione davanti al giudice Cataldo.

.perugiatoday.it



   

 

 

1 Commento per “Fanatico di sinistra pesta un parà: “la maglietta mi sembrava fascista””

  1. Mi spiace ma un parà NON doveva farsi pestare;avrei capito se gli aggressori fossero stati due o più,ma uno contro uno no,non doveva andare così ed è l’aggressore che avrebbe dovuto prenderle di santa ragione!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -