La UE vuole controllare il rispetto dei diritti umani… in Crimea!

 

putin11STRASBURGO – Gli organismi di monitoraggio del Consiglio d’Europa devono poter andare regolarmente in Crimea per garantire il rispetto dei diritti umani dei 2 milioni e mezzo di abitanti della Penisola. A domandarlo è la stessa organizzazione paneuropea, di cui sono membri Russia e Ucraina, sulla base del rapporto redatto dalla delegazione che il segretario generale ha inviato in Crimea, la prima a potersi recare su questo territorio che per 18 mesi è stato inaccessibile a tutte le organizzazioni internazionali.

Presentando i risultati della visita al comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, il capo della delegazione, l’ambasciatore svizzero Gerard Stoudmann ha affermato che “non è normale e accettabile che 2 milioni e mezzo di persone non possano beneficiare dei meccanismi creati per proteggere tutti i cittadini europei”. “Il compito del Consiglio d’Europa è di proteggere ogni individuo ovunque sia sul continente e in qualunque circostanza” ha dichiarato il segretario generale Thorbjorn Jagland, che spera che il rapporto di Stoudmann “possa costituire la base per fruttuose discussioni su quello che l’organizzazione può fare per chi vive in Crimea”. ansa europa

I FESTEGGIAMENTI DEL POPOLO DELLA CRIMEA PER IL RITORNO ALLA RUSSIA

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -