Deputato tedesco Kotré: “Governi UE si battono per multiculturalismo e distruzione dell’identità”

Intervista al deputato tedesco Steffen Kotré (AfD): “I governi dell’UE si battono per la trasformazione multiculturale e la distruzione dell’identità”.  di Álvaro Peñas e Lionel Baland

L’Alternativa per la Germania (AfD) ha tenuto un congresso a Kalkar, Nord Reno-Westfalia, l’ultimo fine settimana di novembre 2020. Álvaro Peñas, per El Correo de España (Spagna), e Lionel Baland, per Breizh-info (Francia), hanno intervistato il parlamentare dell’AfD Steffen Kotré, che ha partecipato all’incontro in qualità di relatore. 

Per lungo tempo, lo spirito di divisione ha aleggiato sull’AfD. Come sta venendo fuori l’AfD da questo congresso?

Il copresidente del partito Jörg Meuthen ha ulteriormente diviso l’AfD, ma solo per quanto riguarda la sua persona. Ha tenuto un discorso di divisione attaccando il co-leader dell’AfD, il dottor Gauland, squalificando il movimento delle maschere anticovidiane (il cosiddetto “Querfront”), attaccando la fazione dell’AfD Bundestag, e criticando i suoi stessi amici di partito più dei suoi avversari politici e della stampa per aver diffuso informazioni false.

I circa 500 delegati hanno votato con una schiacciante maggioranza dell’89% per la mozione sulla politica sociale, che dà priorità fiscale alle famiglie con bambini. Si tratta di un compromesso tra l’ala liberale e quella social-patriottica del partito?

No, alla fine il compromesso è stato raggiunto nella Commissione federale di programma interna al partito. Le influenze esterne hanno un ruolo relativamente minore.

Al congresso, l’AfD ha sviluppato l’idea di un pensionamento flessibile per prevenire la povertà tra le persone anziane che hanno vissuto un lungo periodo di inattività nella loro vita. In cosa consiste quest’idea ed è sostenuta da un’ala dell’AfD in particolare? 

Il concetto di pensione è che le persone possono decidere da sole quando andare in pensione, l’abolizione delle pensioni dei politici, un sistema pensionistico per i lavoratori autonomi e lo sviluppo di pensioni integrative private. Questo concetto è un compromesso tra le due ali del partito.

Joana Cotar è stata eletta nel comitato esecutivo del partito e ha sostituito Andreas Kalbitz, l’ex numero due dell’ala nazionalista, che è stato espulso dall’AfD. Qual è la tendenza di Joana Cotar? 

Lei sostiene il principio di Meuthen, cioè schiacciare gli angoli per trasformare l’AfD in un CDU 2.0, per cacciare fuori dal partito i membri di altre opinioni e per minare il “margine netto” del partito.

Gli attacchi di Jörg Meuthen ad Alexander Gauland, che egli accusa di usare il termine “dittatura della corona”, corrispondono a una scissione ideologico-politica all’interno del partito? 

Sì, è una qualità nuova. Meuthen ha parlato meno dell’effettivo tema sociale del congresso del partito che in forma negativa contro gli amici del partito. E lo ha fatto pubblicamente. Come oratore esperto, sapeva dell’impatto del suo discorso, che ha offeso molti. Questo non può essere stato impulsivo, dietro di esso ci sono considerazioni di ampia portata, lontane da un’atmosfera di discussione aperta nel partito. Invece di stare in piedi davanti ai membri, ha fatto ancora una volta gli affari dell’avversario politico di cui ha assunto le accuse.

L’ala del partito, quella liberale o quella social-patriottica, ha ottenuto al congresso una vittoria sull’altra? 

No, la proposta principale, che è stata adottata senza modifiche sostanziali, è un compromesso conquistato a fatica. Inoltre, il concetto sociale corrisponde a una politica necessaria e reale.

POLITICA ECONOMICANel settembre dello scorso anno, Angela Merkel ha annunciato il passaggio a una politica economica verde. Cosa ne pensa di questa politica verde? È una proposta realistica o è una politica controproducente imposta per motivi ideologici? 

La trasformazione della Germania e dell’Europa in una società che è, in molti settori, un’economia pianificata continua. Con il pretesto della protezione dell’ambiente e della cosiddetta protezione del clima, le tasse vengono sperperate sotto forma di sussidi, rendendo le imprese e le persone più dipendenti dallo Stato. Inoltre, le attività economiche si dividono in buone (risparmio di CO2, protezione pseudo-ambientale, mobilità elettrica) e cattive (energia nucleare e carbone, motore a combustione interna). Questo ricorda il sistema cinese di sanzioni per i comportamenti indesiderati, che limita la libertà.

EUROPA – Cosa pensa l’AfD della campagna dell’Unione europea contro l’Ungheria e la Polonia sulla questione dello Stato di diritto? Il veto di questi paesi contro i bilanci europei è giustificato?

Il veto è giustificato. L’ingerenza dell’UE negli affari interni ed extracomunitari degli Stati deve essere respinta. La campagna non mira allo stato di diritto, ma piuttosto ad imporre concetti ideologici come il genere, ad aumentare il numero delle minoranze, a far sì che gli Stati sottopongano più competenze all’UE, ecc.

IMMIGRAZIONE –  Alcune fonti suggeriscono che ci potrebbe essere un afflusso massiccio di immigrati clandestini in Europa nel 2021. Quest’anno, il numero di immigrati clandestini in Spagna e in Italia è aumentato notevolmente nonostante la Covid. Cosa pensa dell’incapacità dell’Europa di affrontare questo problema? Quale impatto ha avuto la politica di apertura delle frontiere della Cancelliera Angela Merkel in Germania sull’ondata di “rifugiati” dal 2015? 

I governi dell’UE non sono incapaci. Vogliono esattamente ciò che sta accadendo: trasformazione multiculturale, ridistribuzione del denaro tedesco e di altri stati, creazione di società disomogenee e perdenti di identità. Con gli immigrati, l’Europa sta diventando sempre più ahistorica. Quale africano nero conosce il lungo cammino degli Stati europei verso la democrazia e la libertà? Ma questa è la base per difenderli. La società si sta frammentando, la solidarietà si sta perdendo, la fiducia di base sta diminuendo.

Nel 2019 l’AfD ha subito 691 attacchi contro le sedi e i membri del suo partito, più della metà di tutti gli attacchi politici in Germania, molto prima della CDU con 208 attacchi. Come è possibile che questo ceda lo Stato a gruppi violenti contro il terzo partito più grande della Germania? 

Il radicalismo di sinistra non è stato combattuto a sufficienza dagli ex conservatori e ha avuto sostenitori ben noti in mezzo alla società. Quando gli esponenti della sinistra manifestano con violenza, la leadership della polizia non interviene con vigore, ma lo fa con i dissidenti ideologici di altre parti. C’è un sistema per questo, dato che la leadership della polizia di molti Paesi, specialmente Berlino, è contaminata dal verde di sinistra. I leader responsabili sono stati sostituiti. Il politico verde degli interni della Camera dei Rappresentanti di Berlino, Benedikt Lux, ha ammesso queste epurazioni: “Abbiamo sostituito l’intera leadership di quasi tutte le autorità di sicurezza di Berlino e abbiamo portato alcune persone piuttosto brave: nei vigili del fuoco, nella polizia, nell’ufficio del procuratore generale e anche nell’ufficio per la protezione della Costituzione. Spero vivamente che in futuro questo diventi evidente”.

Condividi