Il terrorista macedone intascava l’assegno di disoccupazione dal Comune PD

terrorista-macedone

Pordenone – Il macedone aveva beneficiato dei soldi che spettano ai disoccupati a basso reddito. L’assessore alle politiche sociali Maria Sandra Telesca si dice «turbata» da questa vicenda: «La misura veniva erogata dai servizi sociali» . In quanto disoccupato otteneva quelli del fondo di solidarietà regionale legati al reddito basso», precisa il sindaco di Azzano Decimo Marco Putto (Cittadini per il presidente).http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine

Il deputato della Lega nord Massimo Fedriga se da un lato si augura che «chi amministra la Regione si scusi con i cittadini perché la responsabilità è di chi guida», dall’altro auspica un «chiarimento nazionale su come avvengono erogazioni e controlli sui beneficiari dei fondi pubblici», attraverso una sorta di censimento nazionale su «come si muovono le singole regioni».

Il senatore Pd Lodovico Sonego. «Le comunità islamiche sono chiamate ad una maggiore trasparenza sul loro operato e alla capacità di allontanare quei loro esponenti che non rispettano la legge italiana».

Ajhan Veapi aveva frequentato il centro islamico di via San Rocco, a Udine. «Assiduamente», soprattutto negli ultimi due anni, quello di Pordenone, non solo il venerdì, ma anche per studiare il Corano; l’ultima volta, mercoledì sera, prima di partire, il giorno dopo, per Mestre, dove era stato bloccato.

A Vienna, infine, aveva partecipato a vari incontri di preghiera, venendo a contatto con frange wahabite e imam che predicavano la jihad.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -