USA: Minacce da una setta satanica, il Comune di Phoenix abolisce la preghiera

 

Satanic-Temple

La setta satanica americana Satanic Temple (quella, per intenderci, della statua del diavolo in Oklahoma) ha vinto un’altra delle sue battaglie anticristiane, questa volta in Arizona. La settimana scorsa il Consiglio comunale di Phoenix, con 5 voti contro 4, ha infatti deciso di abolire la preghiera con cui tradizionalmente, da 65 anni, si aprivano le sedute dell’assemblea: al suo posto il Consiglio ha deciso di fare un momento di silenzio. È questo il modo con cui i rappresentanti della cittadinanza hanno ritenuto di proteggere sé e le casse pubbliche dalle intimidazioni della setta di adoratori del diavolo, che reclamavano il diritto di aprire con una “orazione satanica” l’assise programmata per il 17 febbraio, minacciando in caso contrario di portare il caso in tribunale.

 Tempi.it

Bergoglio, l’ONU e i satanisti di Detroit



   

 

 

2 Commenti per “USA: Minacce da una setta satanica, il Comune di Phoenix abolisce la preghiera”

  1. dategli in consegna agli islamici dell’isis, ci pensano loro a rompergli le corna!

  2. Bisogna combattere seriamente le sette sataniche, arrestando tutti coloro che ne fanno parte e condannandoli all’ ergastolo ! Altro che dare ascolto a questi pericolosi pazzi pervertiti ! Chi adora satana non merita alcun rispetto, è un perverso criminale e come tale va trattato !

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -