Germania: ingaggiata ex agente della Stasi per contrastare il razzismo su facebook

Facebook ha annunciato che collaborerà con il ministero tedesco della Giustizia, Heiko Maas,  per contrastare i messaggi razzisti e xenofobi sulla sua piattaforma, rispondendo alle richieste della Germania sulla repressione dei messaggi di odio contro i migranti. L’obiettivo è identificare meglio tali contenuti in modo da poterli eliminare rapidamente dal social network.

stasi

L’annuncio, in seguito a un incontro tra Maas e i responsabili di Facebook a Berlino, arriva dopo le critiche mosse il mese scorso dal ministro tedesco al social network, accusato di rimuovere le immagini sessuali più velocemente dei messaggi razzisti.

Maas ha chiesto l’aiuto di un’organizzazione – la Rete contro i nazisti (Netz Gegen Nazis, o NAN) – per aiutarlo nella sua repressione. La NAN è  gestita da Anetta Kahane, che tra il 1974 e il 1982 ha lavorato per la Stasi sotto il nome in codice ‘Victoria’.  La Kahne ha anche messo in chiaro che lei crede in un mondo senza confini, raccontando che “L’immigrazione è il futuro. Devi adattare il sistema educativo e adattare l’auto-comprensione degli stati [in modo che i cittadini comprendano] che non vi sono più luoghi per solo bianchi o soli svedesi oppure solo portoghesi o tedeschi. Tutti i luoghi sono multiculturali perché mondo è globalizzato “.

La società di Mark Zuckerberg ha reso nota una partnership con il gruppo Fsm, che si occupa di monitorare il web, e si è impegnata ad esortare i propri utenti a reagire di fronte a messaggi razzisti.

cella-stasi

Cella di una prigione della Stasi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -