Degrado Roma, continuano i pin nic dei filippini a Piazza Carpegna

Piazza Carpegna, degrado record all’esterno di una delle più importanti Ville storiche di Roma

 

degrado-roma

A tre mesi dal Giubileo il Degrado Capitale non si arresta e immagini di immondizia da record dalle periferie si avvicinano sempre più al centro della città. Si presentava così Piazza Carpegna stanotte, un degrado senza precedenti a solo un chilometro da San Pietro: decine di piatti, bicchieri e posate di plastica, buste, lattine e bottiglie, rifiuti su rifiuti abbandonati sul marciapiede subito all’esterno di una delle più importanti Ville storiche di Roma.

“Sembrano passati i barbari e la realtà non si discosta molto dalla prima impressione”, spiega il presidente di Movimento Capitale Marco Visconti, che da tempo segnala cene clandestine al chiaro di luna proprio in questa piazza. “Si tratta degli avanzi di veri e propri banchetti consumati comodamente su tavoli e sedie da gruppi di filippini che vanno in scena ormai con cadenza regolare sulla strada pubblica. Da oltre un mese attraverso i quotidiani, i social e gli esposti alle autorità, segnalo uno scempio vergognoso di cui il municipio XIII e il suo presidente pagliaccio sono assolutamente al corrente. Stamattina – prosegue Visconti – ho inviato un nuovo esposto al XIII gruppo di Polizia Municipale, informando della situazione anche l’AMA. Torno a chiedere l’aiuto e il sostegno dei media perché oggi più di ieri temo che gruppi di cittadini esausti si stiano organizzando per supplire all’inerzia delle amministrazioni, ed è ovvio – conclude – che a quel punto nessuno sarà in condizioni di poterli condannare”.

aurelio.romatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -