Terrorismo: avvocato algerino “per i diritti umani” arrestato al San Bernardo

Le autorità di frontiera italiane hanno arrestato un avvocato per i diritti umani algerino, Rachid Mesli, in base a un mandato di cattura internazionale spiccato dal suo paese per “contatti con il terrorismo”. L’uomo è da diverso tempo rifugiato politico in Svizzera. Lo denuncia oggi la sua associazione, Alkarama, che in un comunicato deplora l’arresto e il ruolo avuto dall’Interpol in questa vicenda.

misli

Mesli è stato arrestato alle 10 del mattino al confine del Gran San Bernardo, in Val d’Aosta, dove si recava per andare in vacanza con la moglie e il figlio 14enne. Dopo il controllo dei documenti e un controllo all’auto, la polizia italiana ha contattato quella elvetica e quella francese per un controllo. Infine ha preso contatto con l’Interpol e, in seguito, ha portato l’avvocato ad Aosta, dove è stato arrestato in attesa che il Tribunale di Torino decida della sua eventuale estradizione, ha spiegato Alkarama, di cui Mesli è direttore legale.

“Le accuse contro Rachid Mesli sono ridicole”, ha affermato Mourad Dhina, direttore esecutivo di Alkarama. Nel mandato di cattura il legale viene accusato di aver “fornito informazioni telefonici a gruppi terroristici” e di aver “tentato di fornire a gruppi terroristici macchine fotografiche e telefoni”.

Mesli risiede a Ginevra. Il 31 luglio 1996 – secondo la sua associazione – fu catturato dalle forze di sicurezza, che lo tennero prigioniero in una località segreta per una settimana. Lì, sostiene ancora Alkarama, fu picchiato e minacciato di morte. A luglio 1997 fu prosciolto dall’accusa di appartenere a un gruppo terroristico, ma condannato per aver “incoraggiato il terrorismo”. Amnesty International ha definito non equo il processo. Nel 2000, poi, l’avvocato è fuggito in Svizzera, dove gli è stato accordato l’asilo politico. Infine nel 2002 Algeri ha spiccato il mandato d’arresto internazionale nei suoi confronti. (askanews)

L’organizzazione di Rachid Mesli ha tenuto statuto consultivo presso l’ECOSOC (ONU) per otto anni. Poi è stata espulsa con accuse di terrorismo



   

 

 

1 Commento per “Terrorismo: avvocato algerino “per i diritti umani” arrestato al San Bernardo”

  1. E’ UN AVVOCATO.? A ME BASTA. ! E’LA STESSA CONGREGA ITALIA CON UN 50% CORRUZIONE UGUALE AL TERRORISMO SOCIALE. –

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -