La Sardegna non gli piace, profugo si getta in mare a Cagliari

Si accende la rabbia dei migranti eritrei che a Cagliari da giorni bivaccano davanti al porto e sotto i portici del Municipio chiedendo di poter lasciare la Sardegna. Uno dei profughi, in una scena teatrale, si è buttato in mare nello specchio d’acqua antistante lo scalo.

Il giovane è stato subito soccorso, anche con l’aiuto del fratello, con il quale si trovava sulla banchina e altri migranti, sotto il controllo dalle forze dell’ordine. Alcuni profughi hanno detto di aver anche iniziato uno sciopero della fame.

La protesta a Cagliari dei profughi eritrei, che da giorni stazionano in piazza Matteotti o davanti ai cancelli d’ingresso del porto per chiedere di poter lasciare la Sardegna, si è spostata ieri mattina davanti al municipio. In circa 200, dopo un’altra notte all’aperto, a voce e con cartelli hanno nuovamente chiesto di poter imbarcarsi sui traghetti. I migranti non possono lasciare l’isola per mancanza di posti sulle navi e perché molti sono senza documenti e senza soldi per i biglietti.



   

 

 

1 Commento per “La Sardegna non gli piace, profugo si getta in mare a Cagliari”

  1. Ma dio Santo questi anno rotto proprio i marroni, e questo non gli piace, vogliono telefonini di ultima generazione,wifi,tv in camera, il mangiare non gli piace, l’albergo non gli piace, vogliono i soldi, i vestiti firmati, ma quest’altri S…….i di politici la vogliamo finire? non gli piace dove stanno bene una barca o una nave li si carica a bordo compreso chi gli fanno scuola come manifestare, che loro anno i diritti ecc, e li si riporta sulle loro coste, non dico di buttarli a mare ma li si mette in una barca o gommone con i remi e li si lasciano li e vedrete che tutti gli altri cominceranno ad non reclamare pretese non dovute, come non li anno gli Italiani che hanno sempre pagato tasse, Ina casa, Gescal e altri balzelli vari, invece il Governo Italiano si calano i pantaloni, volevo dire un’altra parola ma mi fermo qui e che ca22o che ci vuole uno scienziato a rimettere un po d’ordine!!!!!!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -