La vera natura di questa Europa (e chi afferma il contrario è un criminale)

 

di Giuseppe Palma

Essendo questa Unione Europea “assemblata” unicamente dal collante dell’Euro (quindi con l’obiettivo imprescindibile di tutelare il capitale internazionale a scapito della democrazia e dei diritti fondamentali), quanto sta accadendo in questi giorni in merito alla gestione della crisi greca da parte delle Istituzioni creditrici (UE, BCE e FMI) dimostra inconfutabilmente che la gestione degli affari economici, sociali e finanziari di/con ciascuno Stato dell’Unione avviene come se si trattasse di un rapporto strozzino-debitore oppure padrone-schiavo!

Tutto gravita attorno ai mercati e alla salvaguardia del capitale internazionale, e in quest’ottica va letta la gestione di ogni crisi o rapporto all’interno dell’Unione.

Ciò detto, è dunque giunta l’ora di sfatare le menzogne sull’Europa solidale e pacifica che mira al benessere dei popoli: questa UE è l’esatto contrario di quelli che sono i principi sanciti nelle Costituzioni nazionali di ciascuno degli Stati membri. In altre parole, come ho già scritto più volte, UE ed Euro sono del tutto incompatibili con la democrazia costituzionale e con i diritti fondamentali!

EURODITTATURA

 L’incompatibilità tra UE e democrazia è altresì dimostrata, ad esempio, da affermazioni come quelle che il senatore a vita ed ex Presidente del Consiglio Mario Monti si è lasciato scappare in più di un’occasione:

  • Il quesito che io mi pongo è il seguente: non è che forse, per caso, le nostre democrazie europee e non europee, le nostre democrazie occidentali di tipo sempre più illusionistico, basato sulle promesse e basato sull’orizzonte breve, diventano di fatto INCOMPATIBILI con l’integrazione internazionale e con l’integrazione europea?

 

 

OPPURE:

  • non dobbiamo sorprenderci che l’Europa abbia bisogno di crisi – e di gravi crisi – per fare passi avanti. I passi avanti dell’Europa sono, per definizione, cessioni di parti delle sovranità nazionali a un livello comunitario. È chiaro che il potere politico, ma anche il senso di appartenenza dei cittadini a una collettività nazionale, possono essere pronti a queste cessioni solo quando il costo politico e psicologico del non farle diventa superiore al costo del farle perché c’è una crisi in atto visibile e conclamata […]”

 

E Monti non è il solo. Ignazio Visco, governatore di Bankitalia, ha addirittura espresso il concetto che la sovrapposizione dei cicli elettorali costituisce, “purtroppo”, fonte di instabilità (http://it.reuters.com/article/italianNews/idITL8N0ZB1M020150625).

Questo è, vogliate o no, il rispetto per la democrazia di chi ci chiede “più Europa”!

Poi ci sono i falsi esperti, quelli che si permettono di dire che il mondo è cambiato e che bisogna adeguarvisi! C’è anche chi si spinge addirittura oltre affermando, ad esempio, che la nostra Costituzione è figlia di un tempo che non c’è più e che per questo bisogna adeguarsi al mutamento imposto dalla globalizzazione: si tratta di vili menzogne!

La nostra Costituzione, quanto meno nei Principi Fondamentali e nella Parte I, riporta scolpite – col sangue – le conquiste democratiche, i diritti fondamentali e le libertà che non possono conoscere adeguamento alcuno, se non in melius! Dovrà essere il mondo, semmai, ad adeguarsi alle Costituzioni, e non viceversa. Coloro che sono morti per donarci la Costituzione, unitamente a quelli che l’hanno scritta, avevano ben in mente un obiettivo principe: qualunque fossero stati i cambiamenti imposti dal tempo e dalla modernità, i “principi supremi” scolpiti nella Carta fondamentale dello Stato vi avrebbero dovuto resistere ad ogni costo, costituendo – in ogni caso – il faro della produzione legislativa e la rotta maestra dell’intera azione politica e dell’esercizio della funzione giudiziaria. In sécula seculorum!

Non esiste altra verità!

Chi afferma il contrario è un ignorante. O peggio un criminale!

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -