“Hai guardato mia moglie”, marocchino riduce un uomo in fin di vita

Un romano di 42 anni è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Albano con ferite alla testa e al torace, inferte dal suo aggressore con un’accetta. L’uomo avrebbe guardato insistentemente la moglie di un altro, un marocchino residente in una casa popolare in zona Divino Amore. Un gesto che ha innescato la lite sfociata nel tentato omicidio sul quale stanno indagando i carabinieri della locale stazione.

Tutto è cominciato verso le 23 quanto all’ospedale di Albano è arrivato il 42enne romano ferito alla testa e al torace. I medici hanno chiamato subito i carabinieri. Dopo aver parlato con la vittima i militari sono andati in via Papiri dove abitano sia l’uomo ferito che il suo aggressore, un marocchino, da anni residente in Italia.

I militari non hanno trovato l’accetta nell’abitazione del persunto aggressore, ma hanno sequestrato una maglia intrisa di sangue. Lo straniero, quindi, è stato arrestato e portato in carcere.



   

 

 

1 Commento per ““Hai guardato mia moglie”, marocchino riduce un uomo in fin di vita”

  1. Ma quale carcere i Politici che sono i difensori di questa gentaglia quanto iniziano ad ESPELLERLI gli danno anche la casa popolare e tra parentesi questo ha pure altri precedenti penali, quelli del PDioti dicono che siamo razzisti ma i RAZZISTI sono loro nei nostri confronti.
    Grazie PD del regalo che ci avete fatto e che state continuando a farci, aspettando che vengano uccisi altri Italiani onesti da questa gentaglia, vergognatevi rimettete gli striscioni CLANDESTINITÀ NON E’ REATO rimetteteli d…………..i!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -