Kenya: offre 50 mucche, 70 pecore e 30 capre per sposare la figlia di Obama

Una “First Daughter” val bene una messa – o quantificando in termini meno spirituali, 50 mucche, 70 pecore e 30 capre: tanto ha offerto l’avvocato kenyano Felix Kiprono in cambio dell’amore o quanto meno della mano della sedicenne Malia Obama, primogenita del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

malia-obama

 

“Mi sono interessato a lei nel 2008 (quando Malia aveva dieci anni, ndr) e da allora non ho frequentato nessuno e ho presso di esserle fedele: ho condiviso il mio sentimento con la mia famiglia, che è disposta ad aiutarmi a raccogliere i soldi della dote”, ha spiegato Kiprono in un’intervista rilasciata al quotidiano kenyano The Nairobian.

Il giovane legale ha espresso l’augurio – in una lettera alquanto ottimisticamente indirizzata all’Ambasciata statunitense – che nella sua prima visita ufficiale in Kenya, nel prossimo luglio, Obama (di origine kenyana e con centinaia di parenti nel Paese, in primis la nonna novantenne) porti con sé anche la figlia.

A scanso di equivoci, poi ha negato di essere un banale cacciatore di dote: “La gente può pensare che corra dietro al denaro della famiglia, ma il mio amore è sincero”. Kiprono ha anzi già prescelto lo scenario della dichiarazione – una romantica collina nei pressi del suo villaggio – e pianificato il matrimonio, in cui allo champagne di rito verrebbe sostituita la tradizionale “mursik”, una bevanda a base di latte fermentato.

Quanto al dopo, lui e Malia condurrebbero “una vita semplice”: “Le insegnerei come mungere una mucca, cucinare l’ugali (una zuppa di mais, ndr) e preparare il mursik come fa ogni donna Kalenji”.

tiscali



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -