Nomade presa a morsi dai compagni alla fermata del bus

Torino – Nomade aggredita dai compagni alla fermata del bus in piazza Bengasi

Accusata di aver abbandonato il campo nomadi per dedicarsi a una vita più “normale” è stata picchiata da un gruppo di abitanti dell’insediamento e presa a morsi. E’ successo qualche sera fa alla fermata dell’autobus di piazza Bengasi.

Vittima dell’aggressione una ragazza di 26 anni che ora lavora come operaia a Torino, colpevole di aver lasciato l’insediamento nomade in cui aveva sempre vissuto. La giovane stava attendendo il bus per tornare a casa – vive a Moncalieri con la famiglia – quando è stata accerchiata da alcuni ex compagni nomadi che l’hanno picchiata, presa a morsi e derubata. Questi, lasciando la giovane a terra, si sono poi dati alla fuga.

I Carabinieri di Moncalieri che stanno indagando sull’accaduto sono riusciti a identificare i tre aggressori. Uno di essi, un uomo di 42 anni, è stato arrestato per rapina mentre la moglie è stata denunciata per lo stesso reato. Per quanto riguarda, invece, il terzo componente del gruppo, un nomade di 26 anni, risulta ancora ricercato.

torinotoday.it



   

 

 

1 Commento per “Nomade presa a morsi dai compagni alla fermata del bus”

  1. Fin quanto ci sono i campi ROM col ca..o lo ritrovano quello sicuramente può darsi che si trovi a Napoli, Bologna,Roma, Torino, i campi rom non devono esistere, che andassero a lavorare e comperarsi una casa o affittarla, datosi che a loro non piace il lavoro, a loro piace bere e bivaccare dal mattino alla sera e dentro i campi rom si sentono sicuri, provate a mettere una famiglia per paese distanti circa 20 km gli uni dagli altri e vedete se accettano, io dico no perché loro anno paura quando sono soli, conoscendo le loro usanze l’unica cosa che gli invidio è la solidarietà e compattezza luni con gli altri, ma ai PDioti gli vanno bene così anche dalle mie parti.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -