La UE regala 1,8 milioni di euro al Libano per promuovere le rinnovabili

L’abbattimento delle fonti energetiche non rinnovabili per ridurre le emissioni di gas nocivi nei terreni agricoli in Libano ed Egitto è l’obiettivo del progetto Greneco (Green Energy for Green Companies) finanziato dal programma europeo di cooperazione transfrontaliera Enpi Cbc Med con un contributo di 1,8 milioni di euro e in fase di realizzazione sotto la responsabilita’ della Regione Sardegna in veste di ente di gestione.

Diplomi sono stati consegnati oggi a 20 trainers del settore pubblico e privato impegnati nel progetto, durante una cerimonia a Beirut alla quale ha partecipato il ministro dell’Agricoltura, Akram Chehayeb. Tra i presenti, anche il direttore della Cooperazione italiana in Libano, Gianandrea Sandri. Nel progetto di cooperazione sono coinvolti altri nove partner, tra i quali l’Università di Alessandria d’Egitto, l’Università Araba di Beirut e, appunto, il ministero dell’Agricoltura libanese. “Contribuire alla riduzione dell’uso delle fonti energetiche non rinnovabili è l’obbiettivo fondamentale del ministero dell’Agricoltura che ringrazia vivamente l’Unione Europea e la direzione del programma Enpi Cbc” ha detto il rettore dell’Università Araba di Beirut, Amra al Adawi.

Greneco si rivolge principalmente alle amministrazioni pubbliche, alle aziende agricole e alle piccole e medie imprese che operano nel settore delle energie verdi, nell’intento di diffondere le fonti energetiche rinnovabili e assicurare livelli ottimali di efficienza energetica alle stesse imprese, rafforzando la capacità d’innovazione e di gestione. (ANSAmed).



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -