Molestie sessuali, si dimette il commissario Onu per il clima

ipcc

 

Il presidente del gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (Ipcc), l’economista indiano Rajendra Pachauri, premio Nobel per la pace con Al Gore nel 2007, si è dimesso dall’incarico dopo esser stato accusato di molestie sessuali da una ricercatrice di 29 anni. Lo ha annunciato la stessa organizzazione, riferisce la Bbc.

Il suo vice Ismail El Gizouli è stato designato presidente ad interim dell’Ipcc. Pachauri è un pioniere della denuncia dei cambiamenti climatici.

Rajendra Pachauri e Al Gore vincono (non si sa come né perché) il premio Nobel per la pace

Rajendra Pachauri e Al Gore vincono (non si sa come né perché) il premio Nobel per la pace

Per conoscere meglio l’ingegnere ferroviario (privo di qualsiasi qualifica nel campo delle scienze climatiche)  che è diventato miliardario con la bufala del riscaldamento globale leggi  IPCC, GLI SPORCHI AFFARI DEL DOTT. PACHAURI
di Christopher Booker e Richard North. Qui sotto riportiamo solo alcuni stralci, ma vi invitiamo a leggere l’articolo intero al link indicato.

Pachauri ha messo insieme uno stupefacente portfolio  mondiale di interessi affaristici con realtà che hanno investito e stanno investendo miliardi di dollari in organismi che dipendono dalle decisioni e dalle politiche dell’IPCC.

Questi organismi comprendono le banche, le aziende del petrolio e dell’energia e i fondi di investimento pesantemente coinvolti nel “mercato delle emissioni” e nelle “tecnologie sostenibili” che, messi insieme, costituiscono il mercato più in rapida crescita del mondo, stimato prossimo a valere migliaia di miliardi di dollari all’anno.

Oggi, oltre al suo ruolo di presidente dell’IPCC, il dott. Pachauri occupa più di una ventina di poltrone simili,  fungendo da direttore o consigliere per molti degli enti che svolgono un ruolo leader in quello che oggi è conosciuta come ”’l’industria del clima’ internazionale“.

L’incredibile è che la dimensione sconvolgente dei legami del dott. Pachauri con molte di queste entità è venuta alla luce solo di recente, sollevando inevitabilmente degli interrogativi su come possa il più importante “funzionario del clima” del mondo essere anche coinvolto personalmente in così tante organizzazioni  che potranno trarre beneficio dalle delibere dell’IPCC. […]

Nel 2008 è stato nominato Consigliere per l’energia rinnovabile e sostenibile del Credit Suisse e della Rockefeller Foundation. E’ entrato a far parte del Consiglio della Banca Nordic Glitnir nel momento in cui essa lanciava il suo Fondo per il Futuro Sostenibile, mirante a raccogliere 4 miliardi di sterline. Divenne Presidente del Fondo per le Infrastrutture sostenibili dell’Indonesia, il cui Amministratore delegato confidava di raccogliere in breve tempo 100 miliardi di sterline.

Lo stesso anno divenne direttore dell’International Risk Governance Council di Ginevra, fondato dalla EDF e da E.On, due delle più grosse aziende europee di elettricità, per promuovere la ‘bio-energia’. Quest’anno il dott. Pachauri è diventato “consigliere strategico” del Fondo di investimenti newyorchese Pegasus e Presidente del Consiglio della Banca asiatica di sviluppo Asian Development Bank, una grossa sostenitrice degli scambi CDM, il cui Amministratore delegato avvertì che se non si arrivava a un accordo a Copenhagen il mercato delle emissioni sarebbe crollato.

L’elenco di incarichi ricoperti oggi dal dott. Pachauri, come risultato del suo nuovo status mondiale, è infinito. E’ diventato capo dell’Istituto per il Clima e l’Energia dell’Università di Yale, che riceve milioni di dollari di finanziamenti pubblici e privati in USA. Fa parte del Consiglio sul Cambiamento climatico della Deutsche Bank. E’ Direttore dell’Istituto giapponese per le Strategie globali sull’ambiente e fino a poco tempo fa era consigliere per la Toyota. Richiamando le sue origini come ingegnere ferroviario, è perfino consigliere per le politiche della SNCF, le Ferrovie dello Stato francesi.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -