Il limite all’uso del contante è dannoso, alimenta evasione e corruzione

Euro1

 

6 dic (WSJ) Sono dannosi e alimentano anziché contrastare il fenomeno dell’evasione fiscale. I limiti al contante stanno contribuendo alla crisi del sistema economico e secondo gli esperti in materia andrebbero rialzati a tre mila euro, la soglia media in Europa.

Ranieri Razzante, presidente dell’Associazione Italiana Antiriciclaggio e consulente della commissione parlamentare antimafia, i commercianti di ogni categoria stanno da tempo lamentando le difficoltà di vendere prodotti e servizi a cittadini stranieri più che a italiani, data l’esiguità del limite dei mille euro all’uso del contante.

L’ottusità dei governi degli ultimi anni sta portando a pensare che limitare l’utilizzo di banconote contrasti più di ogni altro mezzo l’evasione fiscale e il riciclaggio”, dice Razzante. “Al contrario, non agisce per niente su quest’ultimo e anzi rischia di alimentare l’evasione, soprattutto in un periodo recessivo come quello che viviamo.”

“È pura demagogia pensare che la criminalità organizzata ricicli denaro sporco a mezzo di contanti”. Le vere operazioni di trasferimento di ricchezze illecite passano, come dicono le statistiche investigative, attraverso operazioni immobiliari, finanziarie e commerciali regolate con strumenti di pagamento tracciabili.

Per quanto riguarda l’evasione fiscale, secondo l’Aira, fondata nel 2008, “chi voglia comprare un oggetto del prezzo superiore ai mille euro lo farà ugualmente, trovando facilmente una controparte che, soprattutto in periodi di crisi”. Egli non si fermerà infatti al problema della fatturazione che, al limite, “verrà effettuata solo per importi entro i limiti di legge”, osserva l’associazione nel comunicato.

“Se si pensa che nel nostro paese una legge scellerata, varata dal governo Monti, ha innalzato l’importo in questione a quindici mila euro per i soli cittadini extracomunitari, la situazione che ho appena descritto ci pone al di fuori del contesto regolamentare europeo ed internazionale”, chiosa Razzante.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -