L’Italia regala 700mila euro all’UNICEF per i bambini tunisini

euro20 agosto – La Cooperazione italiana e UNICEF in Tunisia hanno firmato un accordo per la realizzazione di un progetto volto a far uscire dagli istituti i bambini privi di un ambiente familiare, per un ammontare di 700.000 euro messi a disposizione dal MAE italiano.

Il progetto interviene nel settore della protezione dell’infanzia, e in particolare mira a garantire che i bambini vulnerabili, specie i bambini nati fuori dal matrimonio e bambini e adolescenti a rischio o con disabilità possano godere pienamente dei loro diritti e beneficiare di un ambiente familiare di qualità, che garantisca il loro benessere e sviluppo.

L’obiettivo sarà raggiunto attraverso azioni integrate che toccheranno più livelli: istituzionale, attraverso un accompagnamento delle autorità preposte alla gestione dei minori a rischio; quello delle organizzazioni della società civile e degli incaricati di settore, attraverso iniziative di formazione dei conoscenze e competenze; quello delle famiglie (di provenienza e di accoglienza), grazie ad attività di formazione e di sostegno psico-sociale; nonché quello dell’opinione pubblica, attraverso azioni di sensibilizzazione mirate soprattutto ad estirpare la tendenza alla stigmatizzazione e alla discriminazione delle madri nubili e dei minori in difficoltà.

Questo progetto, finanziato dalla cooperazione italiana, sarà realizzato da UNICEF Tunisia in collaborazione con le istituzioni tunisine competenti, ed avrà una durata di 3 anni. Spiega ad ANSAmed il direttore dell’Unità tecnica locale di Tunisi della Cooperazione italiana allo Sviluppo Cristina Natoli che “l’idea di fondo è quella di favorire politiche e pratiche che permettano ai bambini che si trovano in situazioni a rischio, o in difficoltà, che non hanno famiglia, o sono disabili, di poter vivere la propria infanzia in un ambiente famigliare (rientro alla famiglia di origine o accoglienza tramite affido o adozione – in Tunisia sono previsti gli strumenti dell’adozione, dell’affido o della kafala, strumento più “coerente” con le prescrizioni religiose), invece che in un istituto. (ANSAmed)



   

 

 

1 Commento per “L’Italia regala 700mila euro all’UNICEF per i bambini tunisini”

  1. Ma la Tunisa è una colonia Italiana? Non facciamo che darle soldi per i più svariati progetti mentre loro non fanno che mandarci spacciatori di droga.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -