Business della mobilità sostenibile. Una bici, 1200 euro: il giro d’affari di ministro e ministra

delrio

25 febbr – Una bici, 1200 euro: il giro d’affari di ministro e ministra. La vicinanza tra il numero di due di Renzi e il nuovo ministro “berlusconiano” del governo torna a far discutere.

Uno dei primi atti firmato da Graziano Delrio, l’allora presidente dell’Anci, fu nel 2011 un accordo con la Ducati Energia (della famiglia Guidi) per fornire agli Enti mille biciclette a pedalata assistita, da 1200 euro l’una. Tra i comuni che hanno aderito, ricorda Repubblica, c’era anche la Firenze di Matteo Renzi. Lo staff del sottosegretario minimizza: “L’Anci non ha mai avuto contatti diretti con l’azienda”.

L’accordo Guidi-Delrio venne benedetto dal ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, fedelissima all’epoca di Silvio Berlusconi. Il progetto prevedeva che i comuni con più di 30mila abitanti ricevessero le bici elettriche per combattere l’inquinamento atmosferico, nell’ambito di un più vasto programma di mobilità urbana.

Repubblica scrive:

Dall’ufficio stampa del sottosegretario alla presidenza del Consiglio fanno sapere che: “Il progetto di distribuire le biciclette ai Comuni era del ministero dell’Ambiente, così come l’individuazione del fornitore, identificato dal ministero in Ducati”.

.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -