Croazia: a 7 mesi dall’ingresso in UE già procedura per deficit eccessivo

croazia28 gen. – Non sono passati nemmeno sette mesi dall’ingresso di Zagabria nell’Unione europea e oggi l’Ecofin ha deciso di aprire la procedura per deficit eccessivo per la Croazia, approvando al tempo stesso una serie di raccomandazioni perche’ il deficit sia corretto entro il 2016, con misure da decidere entro il prossimo 30 aprile.

Secondo i dati forniti dalle autorita’ croate, il deficit stimato per il 2013 e’ ampiamente sopra il limite del 3% del Pil, e aumentera’ nel 2014 e nel 2015. Secondo le previsioni economiche elaborate dalla Commissione in autunno, fra il 2013 e il 2015 il deficit di Zagabria salira’ sopra il 6% del Pil se non saranno decise misure correttive. Questo – spiega una nota diffusa al termine dell’Ecofin – e’ dovuto in parte alla grave crisi economica, con una contrazione dell’attivita’ economica di almeno il 12% rispetto al livello record raggiunto nel 2008.

Quanto al debito, la Commissione lo stima al 59,7% del Pil nel 2013 e, a scenario invariato sul fronte delle politiche economiche, sopra il 60% quest’anno. I nuovi obiettivi fissati da Bruxelles sono al 4,6% del deficit per il 2014, al 3,5% per il 2015 e al 2,7% nel 2016, con un miglioramento annuale del bilancio strutturale dello 0,5% del Pil nel 2014, dello 0,9% nel 2015 e dello 0,7% nel 2016.



   

 

 

1 Commento per “Croazia: a 7 mesi dall’ingresso in UE già procedura per deficit eccessivo”

  1. Croati vi siete lasciati intortare dai parassiti europei, vi distruggeranno come hanno fatto con il resto dell’europa del sud, andatecene fuori e mantenete la vostra moneta fin che siete in tempo

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -