Togliatti scrisse: “il sacrificio dei soldati dell’Armir nei lager di Stalin e’ un antidoto al fascismo”

Per i comunisti, i sacrifici umani sono niente, rispetto all’ideologiaa. I morti non contano, se servono al partito.

Lettera di Togliatti a Vincenzo Bianco sui prigionieri italiani in URSS

A Togliatti servivano i morti in Russia

Scrisse: il sacrificio dei soldati dell’ ARMIR nei lager di Stalin e’ un antidoto al fascismo. Resa nota la lettera conservata negli archivi del KGB e trovata dal giornalista Francesco Bigazzi ( Panorama ) e dallo storico ex comunista Franco Andreucci per la casa editrice Ponte alle Grazie

Rivelata un’ agghiacciante lettera del ‘ 43: il “Migliore” spiegava perche’ non si dovesse intercedere per gli italiani TITOLO: A Togliatti servivano i morti in Russia Scrisse: il sacrificio dei soldati dell’ Armir nei lager di Stalin e’ un antidoto al fascismo

[dividers style=”2″]

Pagina 2
(2 febbraio 1992) – Corriere della Sera

togliattiMILANO . Nessuna pieta’ , in nome della lotta politica. Anzi, la tragedia personale e il lutto di migliaia di famiglie sono il piu’ efficace antidoto alla guerra e al fascismo: e’ una questione di giustizia. La teoria e’ di Palmiro Togliatti, detto il “Migliore”.

Le tragedie personali cui si riferisce furono almeno 50 mila, quelle delle “gavette di ghiaccio” dell’ Armir, l’armata italiana in Russia dispersa in Unione Sovietica tra il ‘ 42 e il ‘ 43: 27 mila morirono di stenti e di torture nei campi di concentramento di Stalin, di altri 22 mila prigionieri ancor oggi non si sa nulla.

La condanna a morte dei soldati dell’ Ottava armata italiana in Russia e’ contenuta in una lettera del “Migliore” a Vincenzo Bianco, delegato italiano all’ Internazionale comunista, che gli poneva il problema della sorte dei prigionieri italiani. E il 15 febbraio 1943. Risponde Togliatti, allora alto dirigente del Comintern, dall’ hotel Lux di Mosca: “La nostra posizione di principio rispetto agli eserciti che hanno invaso l’ Unione Sovietica e’ stata definita da Stalin. Nella pratica pero’ se un buon numero dei prigionieri morira’ per le dure condizioni di fatto non ci trovo assolutamente niente da dire, anzi il fatto che per migliaia e migliaia di famiglie la guerra di Mussolini e soprattutto la spedizione contro la Russia si concludano con una tragedia, con un lutto personale, e’ il migliore degli antidoti”.

Perche’ , spiega Togliatti, “nelle durezze che oggi possono provocare la fine di molti di loro non riesco a vedere altro che la concreta missione di quella giustizia che il divino Hegel diceva essere immanente nella Storia”. C’ e’ anche una premessa nella lettera di Togliatti, una frase che suona cinicamente ironica: “Sono umanitario quanto puo’ esserlo una dama della Croce rossa“. La lettera, che viene resa pubblica da “Panorama” a una settimana dall’ annuncio del rimpatrio in Italia di duemila salme dei caduti di Russia, esce dalla Lubianka. E’ uno degli oltre 14 mila fascicoli che si riferiscono ai soldati italiani rinchiusi nei campi di concentramento di Stalin: di parte dei documenti, custoditi per decenni negli archivi del Kgb, sono venuti in possesso il giornalista Francesco Bigazzi e lo studioso Franco Andreucci.

La richiesta di Vincenzo Bianco a Togliatti poneva una questione in qualche modo umanitaria e “di carattere politico molto grande”: “Penso che bisogna trovare una via, un mezzo . scriveva Bianco il 31 gennaio del 1943 ., per cercare con il dovuto tatto politico di porre il problema affinche’ non abbia a registrarsi il caso che i prigionieri muoiano in massa come e’ gia’ avvenuto. La cosa e’ troppo importante perche’ io la ponga e pur essendo una giusta preoccupazione la porrei nel modo, nella forma e senza l’ autorita’ che la cosa possiede”.

Sulla lettera e sul cinismo delle parole del “Migliore” si e’ scatenata la bufera tra gli intellettuali, i reduci dell’ Armir e i politici. “Siamo di fronte a un leninista ortodosso, coerente fino all’ estremo con il proprio progetto politico . dice lo storico Vittorio Strada .. Non e’ il primo esempio e non sara’ l’ ultimo di una acritica, organica e sostanziale consonanza con i dettami leninisti da parte di Togliatti. Del resto, non era Lenin a dire: non esiste una morale assoluta, la morale e’ cio’ che e’ utile al comunismo?“.

L’ europarlamentare socialista Baget Bozzo: “Perche’ stupirsi? Togliatti era un vero bolscevico, ogni sacrificio per lui era giustificato dalla Storia”. “E’ inammissibile . dice il generale Gavazza, presidente dell’ Onorcaduti . un tale atteggiamento nei confronti delle decine di migliaia di soldati segregati nei campi di prigionia sovietici. E’ difficile pensare che in nome della collaborazione ideologica con Stalin, Togliatti seppe raggiungere un cosi’ basso livello di abiezione“.

Franco Fossa, socialista, ex senatore, visse la tragedia della prigionia in Russia. Fossa, allora militare di leva, e’ sopravvissuto nell’ inferno di ghiaccio dei lager russi dal 1943 al 1946: “Le dimensioni di quella tragedia sono immensamente piu’ grandi di quanto immaginiamo. Per il numero di prigionieri. Ancora piu’ per l’ atrocita’ di quelle morti per fame, freddo, stenti e malattie consumate nel piu’ totale disinteresse ed abbandono. Una mortalita’ cosi’ alta nei primi mesi da suggerire l’ idea dello sterminio”.

Fregonara Gianna

Pagina 2
(2 febbraio 1992) – Corriere della Sera



   

 

 

1 Commento per “Togliatti scrisse: “il sacrificio dei soldati dell’Armir nei lager di Stalin e’ un antidoto al fascismo””

  1. …meno male che lo denominarono ” IL MIGLIORE ” !!!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -