Ecco perchè Napolitano ha nominato Amato alla Consulta

napolitano-amato

Come definire un Paese dove un signore, senza nessuna investitura elettorale, fa contemporaneamente il Capo dello Stato e il garante del Governo, tiene il Parlamento sotto scacco, è decisivo nella scelta del presidente della Corte Costituzionale e mentre ci siamo fa anche il presidente del Csm e il capo dell’esercito? Parlassimo di qualche piccolo Stato africano, useremmo sicuramente parole come regime, dittatura, antidemocratico. Se però questo Paese è l’Italia, tutti zitti a baciare la pantofola del Quirinale.

Così sta passando praticamente sotto silenzio quanto accaduto con l’elezione del nuovo presidente della Consulta. Due i candidati in corsa: uno con sette voti di area Centrodestra e uno con sette voti di area Centrosinistra. Ma la Corte non può essere lasciata al suo destino e così solo poche ore prima del voto decisivo Giorgio Napolitano nomina giudice costituzionale Giuliano Amato, che appena preso servizio fa subito pendere la bilancia dalla parte del Centrosinistra. Ergo, a chi deve l’elezione il nuovo presidente, se non a Napolitano?

Scandalo – perché di questo si tratta – nello scandalo, la palese adesione politica dei componenti della Consulta, tanto che ieri si è assistito a scelte editoriali ridicole, con grandi giornali durissimi nel contestare le accuse di Berlusconi contro la magistratura politicizzata (posizione sostenuta anche dal premier Enrico Letta) e contemporaneamente inermi nel riconoscere l’evidenza, e cioè che i sette giudici a favore di Mazzella stavano con il Centrodestra e gli otto a favore di Silvestri (poi eletto) con il Centrosinistra.

In un Paese dove vige una reale separazione dei poteri, un giudice schierato con una parte politica dovrebbe essere intollerabile. Ma qui è tutta una melassa, con la politica che decide i magistrati, i magistrati che condizionano la politica (quando non la fanno direttamente), i grandi poteri economici che posseggono gran parte dei giornali e con questi spingono o tengono sulla graticola amministratori, leader politici e partiti interi. Una melassa indigesta.

20 sett 2013

lanotizia

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Ecco perchè Napolitano ha nominato Amato alla Consulta”

  1. Il sistema istituzionale italiano è chiuso. Intendo che non può provenire più nulla dui buono da esso. Esso è finalizzato alla distruzione demografica ed economica dei cittadini italiani. E’ un sistema bellico contro gli italiani. Le istituzioni sono un’arma di guerra contro il popolo. Questo sistema non è riformabile e possiamo solo sperare che marcisca fino al punto da non essere nemmeno in grado di nuocere

  2. Forconi SUBITO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -