Rehn comanda e Saccomanni obbedisce: aumento Iva forse a ottobre

sacco17 set. – Sara’ difficile evitare l’aumento dell’aliquota Iva dal 21 al 22% ad ottobre. Lo riferiscono fonti governative, spiegando che questo e’ stato uno dei temi al centro del colloquio tra il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni e il vicepresidente della Commissione europea, Olli Rehn. Lo stesso Rehn, nel corso dell’audizione alla Camera, ha ricordato che le raccomandazioni inviate dalla Commissione europea in occasione della chiusura della procedura di infrazione per deficit eccessivo nei confronti dell’Italia indicavano chiaramente di spostare il carico fiscale dalla produzione ai patrimoni e ai consumi.

UE, Pittella: Rhen si dimetta subito per manifesta incapacità

Per rinviare l’aumento di tre mesi dell’Iva da ottobre a gennaio 2014, servirebbe un miliardo. La coperta e’ corta, spiegano le stesse fonti, ed il governo e’ costretto a fissare le priorita’ per rispettare gli impegni assunti con l’Europa.

L’esecutivo si e’ impegnato a trovare le coperture per cancellare il saldo di dicembre dell’Imu sulle prime case ed i terreni agricoli, operazione che costera’ circa 2,4 miliardi, e ci sono poi alcune voci di spesa da rifinanziare come la cassa integrazione (500 mln-1 mld) e le missioni all’estero (400 mln). Nel corso del colloquio, Saccomanni e il commissario Ue hanno discusso a lungo le preoccupazioni che in Europa ha suscitato la soppressione dell’Imu sulla prima casa e delle eventuali misure che il governo dovra’ presentare per compensare il mancato gettito. (AGI) .



   

 

 

6 Commenti per “Rehn comanda e Saccomanni obbedisce: aumento Iva forse a ottobre”

  1. Fate schifo, qui è da scendere in piazza e chiedere che tutti voi politici incapaci veniate subito licenziati.
    NOI POPOLO ITALIANO CHIEDIAMO A GRANDE VOCE IL LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA!!!

  2. Lo capirebbe anche un bambino di 5 anni che se i consumi sono fermi e si aumenta una tassa come l’ iva i consumi diminuuscono e le entrate sarebbero minori

    • un bambino per quanto sia é un essere libero, non a caso Ezra Pound (poeta e saggista statunitense) definisce i politici camerieri dei banchieri.

    • Eh ma loro sono professori…così si definiscono…eppura l’unico neurone che gli è rimasto, si sta scollegando piano piano…la politica atrofizza la ragione!!!

  3. Condivido con entrambi.

  4. Non giudicateli degli idioti, quelli sanno benissimo quel che fanno oppure, in ogni caso, anche se non lo sapessero, devono obbedire ai loro padroni e sono obbligati a farlo.
    Centinaia di anni di esperienza sulla manipolazione delle masse, le religioni, gli imperi, il comunismo, il capitalismo etc. saranno pure serviti a qualcosa.
    La vera domanda è: “Cosa vogliono ? Quele è il loro fine ultimo, escludendo chiaramente il benessere della popolazione.”
    Perchè hanno fatto prima l’Europa economica senza preoccuparsi minimamente di fare l’Europa politica? Forse perchè tanto il governo europeo c’è già e si chiama Germania.
    Cosa ci nascondono? Cosa ci aspetta nei prossimi anni?
    Una invasione aliena oppure una catastrofe cosmica oppure, più semplicemente, la fine delle democrazie ed un ritorno della classe nobile e degli schiavi plebei.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -