Immigrati, Sbai: cosa farà la Kyenge contro delinquenza e degrado divenuti ormai ingestibili?

kyenge11 lug – “Occorre contrastare l’accoglienza senza controllo, al di là delle sterili polemiche di carattere politico che in questa sede non interessano e non aiutano. L’emergenza è sotto gli occhi di tutti; molti sono preoccupati, ma non è sufficiente. E’ necessario che il ministro Kyenge, in quanto responsabile delle politiche per l’immigrazione, attui un programma di accoglienza guidata come avviene in altri Paesi europei, ma soprattutto, si occupi delle migliaia di persone che illegalmente risiedono in Italia, senza una casa, senza documenti, senza un lavoro.

Che intenzioni ha il ministro per queste migliaia di immigrati non regolari nel nostro Paese? Vuole fare una sanatoria per la loro regolarizzazione? Come intende evitare e contrastare i fenomeni di delinquenza e degrado divenuti ormai ingestibili? E’ necessario garantire sicurezza agli italiani e agli stranieri che da anni risiedono in Italia. Ci aspettiamo un programma concreto di politiche per l’immigrazione da chi occupa gli scranni istituzionali, a partire dall’utilizzo dei fondi europei, ad oggi l’unico strumento utile per regolare a monte flussi migratori da anni ingestibili.

Siamo stanchi delle continue polemiche, non suffragate da reali programmi sull’immigrazione, che dovrebbe essere prima di tutto sinonimo di integrazione. Non abbiamo bisogno di politiche ne ideologiche ne elettorali ne buoniste; vogliamo vedere i fatti”. E’ quanto dichiara Souad Sbai, giornalista ed ex deputata del Pdl, a proposito della situazione dell’immigrazione in Italia alla luce dei recenti sbarchi a Lampedusa.



   

 

 

3 Commenti per “Immigrati, Sbai: cosa farà la Kyenge contro delinquenza e degrado divenuti ormai ingestibili?”

  1. Itagliani vi siete accorti che ci stanno vendendo?Stanno vendendo tutto,la nostra libertà le nostre fabbriche,le nostre case.Tutto!

    • altro che se non ce ne siamo accorti,solo gli orbi ed i sordi non vedono e non sentono…e stanno zitti…in questi giorni sono a Palermo,mi sembra di essere in Pakistan,o in India..di Italiani a piedi nemmeno l’ombra,solo in macchina..inoltre tutti i negozi sono di loro,anche nella piazza della stazione centrale,oramai appartiene tutto a loro…ma come fanno,vengono senza nulla e dopo qualche giorno,sono proprietari di negozi?

    • Non ci stanno vendendo ci hanno già venduti. Se fossimo un popolo unito la Kyenge a la Boldrini le avremmo già fatte scappare.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -