Distrutto dalla crisi e da Equitalia, imprenditore si suicida

disoccRavenna, 25 febbraio 2013 – SI È TOLTO la vita nel magazzino della propria ditta di via Reale. Non ha lasciato scritti ma i familiari di Gabriele Gaudenzi, 50 anni, piccolo imprenditore di Alfonsine, tendono ad attribuire le cause dalla tragedia alla crisi e alla paura per ciò che il futuro gli avrebbe riservato. Il lavoro che mancava, una pesante sanzione di Equitalia, un mutuo con ipoteca della casa, sei dipendenti da stipendiare, la necessità di mantenere due figli (15 e 17 anni) e non sapere più in quale maniera.

Tutto questo, aggiunto ad altre recenti difficoltà da ricercare nella sfera personale, lo avrebbero spinto a compiere il gesto estremo. Col fratello Marcello e il padre Matteo conduceva la ‘Gaudenzi imballaggi’, storica impresa familiare che opera nel settore degli imballaggi industriali in legno e arredo giardino. Ultimamente, parlando col padre, avrebbe più volte manifestato il proprio disagio, scoppiando in lacrime. A ritrovare il corpo senza vita, ieri mattina intorno alle 9, è stata la moglie, Virna.

A pesare sarebbe stata la difficile situazione economica della ditta, con sei dipendenti e rimasta senza liquidità dopo una sanzione di 47mila euro subìta nel 2009 dall’Agenzia delle entrate. Per questo, ora, resta l’enorme dolore di un padre chiamato a seppellire il proprio figlio. Matteo Gaudenzi, sorretto dall’altra figlia, non si dà pace e grida la propria rabbia contro il sistema e contro la politica: «È colpa loro se mio figlio Gabriele si è ucciso».

Ai vigili urbani del corpo unico della Bassa Romagna e ai carabinieri di Alfonsine, intervenuti nel capannone di via Reale dopo la macabra scoperta, l’anziano capostipite ha indicato la catasta dei pannelli di legno, quasi ad attribuire una responsabilità indiretta alla materia prima che fino ad oggi ha dato vita e sostentamento alla famiglia e che ora invece ha portato morte e sconforto. (restodelcarlino)



   

 

 

1 Commento per “Distrutto dalla crisi e da Equitalia, imprenditore si suicida”

  1. E’ facile cadere in depressione davanti a cose del genere, ma è DOVERE dei famigliari non sottovalutarla e farla curare. Per ogni problema, anche il più grave c’è soluzione: sempre!
    Certo è che anche questo è un suicidio di Stato che nessuno pagherà, ahimè!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -