Rimini: Borsa di studio pilotata, 2 indagati

RIMINI, 30 OTT – La borsa di studio doveva vincerla la figlia della dirigente Ausl. Questa l’accusa che ha portato la Procura di Rimini a formulare la tentata truffa e l’abuso d’ufficio a carico di due dirigenti dell’Azienda sanitaria riminese, la dirigente del servizio di psicologia, mamma della futura borsista, e il responsabile di struttura, dirigente del consultorio familiare Ausl.

Il bando di concorso sarebbe stato modificato con l’inserimento di caratteristiche professionali particolari. Indaga la Gdf. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -