Diffamazione a Lollobrigida, prosciolta prof. Di Cesare

Donatella Di Cesare

Il giudice monocratico di Roma ha prosciolto con la formula ‘perché il fatto non costituisce reato’ la professoressa Donatella Di Cesare, docente di Filosofia Teoretica alla Sapienza, accusata di diffamazione aggravata ai danni del ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida. I fatti risalgono a un anno fa, al 18 aprile 2023, quando Lollobrigida in un intervento pubblico disse: “Non possiamo arrenderci alla sostituzione etnica”.

La sera dello stesso giorno, nel corso del talk-show DiMartedì, interpellata dal conduttore, la professoressa aveva commentato: “La sostituzione etnica è un mito complottistico, è il cuore dell’hitlerismo, credo che le parole del ministro non possano essere prese per uno scivolone, perché ha parlato da governatore neo-hitleriano“.

Leggi anche
Brigate rosse, il post della prof della Sapienza per la morte della Balzerani

“Sono molto soddisfatta, perché ho vissuto il processo come una grande ingiustizia, il mio era un commento, un parallelo storico e non doveva essere un motivo per un processo” ha detto la Professoressa dopo che, dopo la sentenza, è apparsa commossa e ha mostrato la bandiera dell’Anpi con il tricolore italiano. “Mi preoccupa questa tendenza a criminalizzare il dissenso, le voci critiche. L’Italia democratica non merita questo” conclude. adnkronos – foto Lapresse

balzerani post

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K