Ilaria Salis, il padre: “Mattarella informato della candidatura”

ilaria salis

“La disponibilità che il Capo dello Stato ha mostrato verso la storia di Ilaria ha colpito soprattutto mia figlia che ne ha parlato come un nonno affettuoso”

“Il processo di candidatura è andato avanti in maniera complicata visto che io posso parlare con Ilaria solo 10 minuti al giorno”. Lo ha detto Roberto Salis, padre della prof detenuta in Ungheria, nel corso di un incontro de La Repubblica delle Idee, a Napoli.

“Da quando è nata questa storia ho cercato di battere tutte le porte che potevo – ha raccontato – certe volte mi hanno totalmente ignorato, mi hanno sbattuto la porta in faccia, a volte ho ricevuto un segno di solidarietà e in alcuni casi delle persone che hanno deciso di dare un contributo specifico. Da lì ci è stato detto da due entità politiche costituite ed una in itinere che ci sarebbe stata la possibilità di una candidatura, questo processo è andato avanti in maniera complicata posso parlare dieci minuti al giorno”.

Salis chiarisce che Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è stato informato della candidatura di Ilaria Salis con Avs. “Ho cercato sin dall’inizio di coinvolgere il Capo dello Stato nella vicenda di Ilaria in quanto garante della Costituzione – ha raccontato Roberto Salis -, la prima preoccupazione, soprattutto di Ilaria, quando è stata decisa la candidatura, è stata quella di informare Mattarella. La disponibilità che il Capo dello Stato ha mostrato verso la storia di Ilaria ha colpito soprattutto mia figlia che ne ha parlato come un nonno affettuoso. Ci sembrava giusto coinvolgerlo anche per la candidatura”.

Leggi anche
►  Salis, 4 condanne e 29 segnalazioni all’autorità giudiziaria
Bonelli, Fratoianni, Ilaria Salis e l’illusione dell’immunità

“Noi abbiamo l’articolo 3 della Costituzione che dice che tutti i cittadini devono avere lo stesso trattamento davanti alla legge, non si dice in quale Paese. Chi ha scritto la Costituzione era un pochino più saggio della media politica che abbiamo attualmente. “Chi rappresenta le istituzioni dovrebbe garantire che la legge sia rispettata non solo da noi ma anche dagli altri stati”, ha aggiunto. ANSA

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K