Business migranti: rinviati a giudizio moglie, suocera e cognati di Soumahoro

antirazzsmo

Rinvio a giudizio per Marie Therese Mukamatsindo, Liliane Murekatete e due cognati del deputato Aboubakar Soumahoro

Lo ha deciso il gup di Latina nell’ambito dell’inchiesta sulle cooperative, coinvolte nella gestione di richiedenti asilo e di minori non accompagnati. Le accuse contestate a vario titolo e a seconda delle posizioni sono di frode nelle pubbliche forniture, bancarotta fraudolenta patrimoniale (per distrazione) e autoriciclaggio. Il processo inizierà a Latina il prossimo 11 giugno.

Marie Therese Mukamatsindo, Liliane Murekatete, suocera e moglie del deputato, erano finite ai domiciliari lo scorso 30 ottobre. A condurre le indagini, coordinate dalla procura di Latina, sono stati i militari della Guardia di Finanza. In particolare, secondo le accuse, le cooperative avrebbero percepito ingenti fondi pubblici da diversi Enti (Prefettura, Regione, Enti locali etc.), destinati a specifici progetti o piani di assistenza riguardanti i richiedenti asilo e i minori non accompagnati, fornendo tuttavia un servizio inadeguato e comunque difforme rispetto a quello pattuito. Il gip di Latina aveva disposto anche un sequestro per quasi 2 milioni di euro.

A fronte dei flussi di denaro pubblico, la Guardia di finanza ha ricostruito tutte le disposizioni bancarie “prive di congrua giustificazione causale e comunque per finalità diverse da quelle alle quali era preposta la Karibu”. In particolare, come era stato riportato nell’ordinanza dal gip, le carte di credito delle cooperative sarebbero state usate anche per “finalità private (ristoranti, gioiellerie, centri estetici, abbigliamento, negozi di cosmetica)”. (adnkronos)

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K