Censura in Polonia, Tusk chiude Tv scomoda: proteste

Varsavia, 21 dic. (askanews) – L’ex premier polacco sfonda un cordone di polizia per entrare nella sede della tv pubblica TVP a Varsavia, durante un sit in di protesta organizzato dai partiti dell’opposizione contro la riforma del sistema televisivo per “depoliticizzare” i media avviata dal neo primo ministro Donald Tusk.

Il primo atto del nuovo governo europeista è stato licenziare tutti i dirigenti di Tvp, della Radio polacca e dell’agenzia di stampa Pap. Una violazione dello stato di diritto secondo l’opposizione, per il governo un passo necessario dopo 8 anni in cui il partito nazionalista Diritto e giustizia è stato regolarmente accusato di aver condizionato le trasmissioni della tv pubblica usandola come strumento di propaganda. “Vogliamo ripristinare l’ordine legale e la comune decenza nella vita pubblica”, ha detto Tusk. (askanews)

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K