Camera, votano per aumentarsi gli stipendi

deputati Camera

(www.affaritaliani.it) – Neanche il tempo di aumentare gli stipendi ai capogruppo del Senato che tocca già anche alla Camera. Giovedì in agenda c’è una norma destinata a creare un nuovo polverone politico. A Montecitorio è in programma l’approvazione del bilancio della Camera, e le forze politiche hanno depositato i loro ordini del giorno, che in questo caso valgono come emendamenti al provvedimento. E tira aria tesa, con i 5 Stelle – reduci da ore complicate per il contestato sì alla delibera sui capigruppo – che hanno depositato due odg: uno – si legge su Il Fatto Quotidiano – per impedire il ripristino dei vecchi vitalizi, come appena accaduto tra grandi polemiche in Senato, e un altro “per scongiurare gli aumenti degli stipendi dei deputati e, anzi, per ottenerne la riduzione”, come ha scritto Giuseppe Conte in un post, venerdì.

A sentire il M5S, all’odg del forzista Giorgio Mulè, vicepresidente di Montecitorio, che vuole cancellare l’equiparazione delle indennità per gli eletti a quelle dei presidenti di sezione della Corte di Cassazione, fissata da una legge del 1965. Eliminando il tetto agli stipendi. Così – prosegue Il Fatto – vale la pena ripassare la busta paga mensile di un deputato: un’indennità di 5.000 euro netti, una diaria da 3.500 euro e un rimborso spese per l’esercizio del mandato da 3.690 euro, a cui va aggiunto un ulteriore rimborso per gli spostamenti tra luogo di residenza e aeroporto, per un importo trimestrale tra i 3 e i 4.000 euro, e quello per le spese telefoniche (1.200 euro).

Al Fatto che glielo fa notare Mulè ribatte: “Sulle indennità c’è grande ipocrisia, oltre che un evidente problema giuridico. Se qualcuno facesse ricorso contro il loro mancato adeguamento e vincesse, i costi sarebbero enormi. Invece di fare di continuo delibere, si stabilisca chiaramente che gli stipendi dei parlamentari non devono essere più toccati. Oppure si trovi un altro parametro”. Ma a Montecitorio si discuterà anche di vitalizi. Con il M5S che in un altro odg esorta la Camera “all’assunzione di una posizione ferma e rigorosa rispetto al mantenimento della deliberazione n. 14 del 2018”.

D’altronde Forza Italia in Senato si è battuta per il ripristino , mentre Lega e FdI hanno votato contro. Per tamponare, FdI ha depositato un odg alla Camera per difendere la delibera Fico, a prima firma del capogruppo Tommaso Foti. Per le pensioni di deputati ed ex eletti va mantenuta “la vigente normativa di calcolo su base contributiva”. Giovedì a Montecitorio si preannuncia battaglia.

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K