Rieti, “Amazon chiede foto ai dipendenti per giustificare ritardi di 2 minuti”

minacce ad amazon

Nuova “denuncia” contro Amazon. Questa volta a Rieti, nel magazzino di Fara Sabina. Il sindacato Ugl – Unione generale del lavoro – ha raccontato, con una nota, una nuova procedura dello stabilimento rietino del colosso dell’e-commerce. Questa prevede, riferiscono, che i dipendenti inviino una foto ai superiori per giustificare i ritardi nel marcare il cartellino. La nuova procedura, inoltre, abbasserebbe la soglia di tolleranza di ritardo a soli due minuti dopo l’inizio del turno, pena una procedura disciplinare formale. Secondo Ugl la nuova direttiva è “a dir poco assurda e inaccettabile”.

In alcuni casi, spiega Ugl, i dipendenti sono stati contattati dai superiori e costretti a inviare una foto del temporale o dell’incidete che stava bloccando il traffico in modo che il ritardo fosse del tutto giustificato. Questo – continuano – per evitare procedure di condotta, ora più stringenti per via dell’abbassamento dei minuti bonus. “In altre aziende, la soglia di tolleranza di ritardo arriva fino a cinque o dieci minuti e questo consente di non avere nessun richiamo disciplinare, né tantomeno l’umiliazione di dover giustificare immediatamente un rallentamento del traffico attraverso una foto-prova”, concludono.

Il sindacato ha richiesto un incontro con i vertici del magazzino a Rieti per discutere di procedure come questa che vanno “a influenzare la qualità della vita dei dipendenti”. Si attende la risposta da parte dell’azienda.
https://www.today.it

In merito al suddetto articolo, ripreso da today.it e rilanciato sul nostro sito, Amazon ci chiede di pubblicare un’integrazione:

Quanto riportato non corrisponde al vero. In Amazon non esiste alcuna procedura né automatismo che richieda al dipendente di giustificare le cause di un eventuale ritardo attraverso una documentazione fotografica. Inoltre, rispetto all’entità dei ritardi in ingresso, ogni caso viene valutato singolarmente in un’ottica di dialogo aperto e diretto tra dipendente e responsabili.

 

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K

One thought on “Rieti, “Amazon chiede foto ai dipendenti per giustificare ritardi di 2 minuti”

  1. Basterebbe citare l’articolo del codice della strada che statuisce il divieto di utilizzo del telefono mentre si è alla guida.

Comments are closed.